Connect with us

politica

Draghi: “Non ci sarà un governo bis senza M5s. Con gli ultimatum non si lavora”

Pubblicato

il

Draghi

DRAGHI. “Quando ho letto la lettera dei 5 Stelle ho trovato molti punti di convergenza con l’agenda di governo, quindi l’incontro con le forze sociali va esattamente in quella direzione”. Lo ha detto il premier Mario Draghi in conferenza stampa, aggiungendo che quelli erano “punti che era necessario sollevare”. Secondo Draghi, “servono misure strutturali per aumentare i salari, a partire dai più bassi. Il nostro obiettivo prioritario è ridurre il carico fiscale sui lavoratori”.

Rinvio alle Camere? Lo decide Mattarella

Mario Draghi risponde anche a una domanda sulla possibile astensione del M5s giovedì quando si voterà la fiducia dl aiuti al Senato: “Se mi domandate se il rinvio alle Camere ci sarà, dovete chiederlo a Mattarella”. Draghi ha anche dribblato una domanda sulle possibile elezioni anticipate: “Il voto in autunno? Non commento scenari ipotetici, essendo uno degli attori in questa storia non è un giudizio oggettivo e distaccato, sono parte di quel che succede”. “Ho già detto che per me non c’è un governo senza i 5 Stelle. Per me non c’è un governo Draghi altro che l’attuale”, ha aggiunto.

“Se stare al governo è fatica, bisogna essere chiari”

Il rapporto col Movimento 5 Stelle ha dominato le domande della conferenza stampa. Draghi è stato categorico: “Se stare nel governo è una sofferenza straordinaria, se si fa fatica, se non si ha soddisfazione, bisogna essere chiari”. “Questa situazione di fibrillazione il governo l’ha affrontata abbastanza bene: continua a lavorare, abbiamo avviato questa intensa fase di confronto con le parti sociali, affronteremo i problemi dell’Ilva, abbiamo fatto provvedimenti, faremo interventi per tutelare imprese e pensionati nei prossimi giorni. Le fibrillazioni sono importanti ma diventerebbero ancora più importanti se il governo non riuscisse a lavorare e lo dico anche ad altri, a chi parla di sfracelli a settembre. Ora riesce a lavorare, un governo con gli ultimatum non lavora, perde il suo senso di esistere”. Ha aggiunto il presidente del Consiglio Mario Draghi.

“In legge di bilancio misure strutturali, il Paese le chiede”

Nella legge di bilancio ci saranno molte misure strutturali per sostenere famiglie e imprese, ma non per “anticipare l’azione del governo futuro”. Lo ha detto Mario Draghi. “Noi siamo consapevoli dell’urgenza. Non per anticipare l’azione del governo futuro, non sarebbe nelle opzioni costituzionali di questo governo. Semplicemente perché va fatto, sono cose che il Paese chiede, che gli italiani vogliono, che è normale che si facciano. L’economia ha bisogno che si facciano e anche la giustizia sociale ha bisogno che si facciano”.

“Alla Ue chiediamo una fiscalità comune”

Mario Draghi ha parlato anche dell’Unione Europea, dei rischi ecomici del prossimo futuro: “Noi continuiamo a porre il problema in ogni Consiglio europeo, e poniamo la necessità di avere una capacità fiscale comune, la possibilità che sia la Commissione europea a finanziarsi sui mercati per poi prestare questi soldi ai vari paesi europei per avviare programmi su energia, investimenti pubblici, in altre parole ripetere, solo per la parte prestiti, quello che è stato fatto per il Pnrr. È una discussione che vede le opinioni di vari Paesi spaccate, e noi continueremo a parlare di questo”.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)