Connect with us

cronaca

Dramma a Catania, infermiere uccide due pazienti a caso: l’ha fatto per vendetta

Pubblicato

il

Catania

CATANIA. Avrebbe ucciso per vendicarsi dell’ospedale che lo aveva trasferito di reparto Vincenzo Villani Conti, l’infermiere del Cannizzaro arrestato, ieri, ieri per omicidio premeditato pluriaggravato di due pazienti, uccise tra il 2020 e il 2021, con una massiccia somministrazione di diazepan. Il movente del delitto – le vittime scelte casualmente – emerge dalla misura cautelare emessa dal gip di CATANIA.

Catania – Le vittime

Secondo quanto perviene si tratterebbe di due donne. Una ultra60enne ed una di 80 anni, le presunte vittime che sarebbero state uccise da Vincenzo Villani Conti, l’infermiere di 50 anni arrestato a CATANIA con l’accusa di duplice omicidio nei confronti delle due pazienti ricoverate nell’ospedale Cannizzaro di CATANIA.

Secondo quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare del Gip l’infermiere avrebbe ucciso per vendicarsi dell’ospedale che lo aveva trasferito di reparto, scegliendo a caso le sue vittime.

Da Catania a Milano, precipita dal 7° piano del Palazzo di Giustizia e muore sotto gli occhi di tutti

MILANO. Un uomo è precipitato dal settimo piano del tribunale di Milano ed è morto. Sono in corso le indagini delle forze dell’ordine per capire l’esatta dinamica di quanto accaduto. Dell’uomo non si conosce ancora l’identità né quale fosse il motivo per il quale si trovasse in Tribunale. Tra le ipotesi il suicidio ma anche un incidente sul lavoro dato che in questi giorni nell’edificio sono in corso delle opere di ristrutturazione.

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA – Stoccarda, morti due ristoratori italiani: Rosario Lamattina e Gianni Valle, avevano 53 anni

STOCCARDA. Due ristoratori italiani di 53 anni sono stati trovati morti nella cantina di un locale a Stoccarda: sarebbero deceduti a causa di ferite da taglio. Lo riporta la Stuttgarter Zeitung, secondo cui non si esclude che i due possano essere arrivati a ferirsi con dei coltelli o dei pezzi di vetro al culmine di una lite feroce. Le indagini però sono aperte anche ad altri scenari.

Una delle due vittime era il fondatore del ristorante “Valle”, l’altra aveva gestito per diversi anni il “Perbacco” di Tübinger Straße, entrambi a Stoccarda.

La polizia: nessun indizio che ci fosse qualcun’altro con loro

Non ci sono indizi sul fatto che siano coinvolte altre persone nell’uccisione dei due ristoratori italiani. Lo ha detto la polizia locale, sottolineando che le indagini continuano a tutto campo. “Non abbiamo evidenze del fatto che possano aver partecipato altre persone, né che vi sia un coinvolgimento della criminalità organizzata”, ha spiegato il portavoce, Stephan Widmann. “L’esame autoptico è ancora in corso e si indaga in tutte le direzioni”, ha aggiunto.

I due corpi

Ritrovati nello scantinato di un edificio nella Geschwister-Scholl Strasse, dove si trova appunto il ristorante “Valle”. Lunedì era stata trovata anche una donna di 32 anni, morta in un garage chiuso della Mercedes, ma per gli agenti “i casi non sono collegati”.

È sotto choc la comunità di Caggiano, nella provincia di Salerno

Per la morte di Rosario Lamattina, imprenditore di 53 anni, trovato morto all’interno del suo ristorante a Stoccarda, in Germania. Nella cittadina della provincia di Salerno, dove Lamattina è nato e cresciuto, tutti sono increduli

Sia Lamattina che Valle sono stati ritrovati con segni di violenze e ferite da arma da taglio in varie parti del corpo.
I cadaveri dei due imprenditori – proprietari di due tra i ristoranti più noti a Stoccarda – sono stati rinvenuti nel pomeriggio di lunedì 11 luglio, quando un passante ha riferito alla polizia di aver udito alcuni rumori provenire dal seminterrato del ristorante di Lamattina in Geschwister-Scholl-Strasse. (TGCOM24/FANPAGE)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)