Connect with us

politica

Crisi di governo, M5S: Conte non ha chiesto dimissioni ministri prima di mercoledì

Pubblicato

il

governo Conte

Fi e Lega: “Non si può contare sui Pentastellati”

CRISI DI GOVERNO. Dopo le dimissioni respinte dal Mattarella, mercoledì Draghi si presenterà alle Camere per una verifica politica. C’è da capire se la delegazione governativa del Movimento resterà al suo posto fino alla verifica parlamentare. Il “confronto ha ribadito l’unità e la compattezza del M5S”, dicono dal Movimento, che smentisce che l’ex premier abbia chiesto di lasciare ai suoi. Lega-FI: ascolteremo Draghi, ma non temiamo elezioni. Meloni in pressing per il voto anticipato.

CRISI DI GOVERNO – Lega-FI: non si può più contare sul M5s

“Dopo quello che e’ successo, il centrodestra di governo vuole chiarezza e prende atto che non e’ piu’ possibile contare sul Movimento 5 Stelle in questa fase cosi’ drammatica”. E’ quanto si legge in una nota congiunta di Forza Italia e Lega al termine di una telefonata tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

CRISI DI GOVERNO – Lega-FI: ascolteremo Draghi ma non temiamo elezioni

“Ascolteremo con rispetto e attenzione le considerazioni del Presidente Mario Draghi, che ha reagito con comprensibile fermezza di fronte a irresponsabilità, ritardi e voti contrari. Il centrodestra di governo continuerà a difendere gli interessi degli italiani con serietà e coerenza, non avendo certamente timore del giudizio degli italiani”. E’ quanto si legge in una nota congiunta della Lega e di Forza Italia diffusa al termine di una telefonata tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi

CRISI DI GOVERNO – D’Incà contro linea dura M5s, no al ritiro dei ministri

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, a quanto si apprende, nelle riunioni delle ultime ore con Giuseppe Conte e i vertici del M5s ha esplicitato il proprio dissenso verso la linea dura emersa nel partito. D’Incà avrebbe chiarito di non condividere la posizione di chi nel Movimento vorrebbe il ritiro dei ministri e, quindi, il tramonto definitivo anche dell’ipotesi di un nuovo sostegno al premier Mario Draghi. Un dissenso, avrebbe spiegato, dovuto alla preoccupazione per il Paese, per le sorti del Pnrr e per le conseguenze europee.

Ue ribadisce: grande lavoro von der Leyen con Draghi

La portavoce della Commissione europea ribadisce che la presidente Ursula von der Leyen “ha lavorato molto bene al fianco del premier Draghi” ma non fornisce “nessun commento sugli sviluppi politici in Italia”.

Cisl: crisi peggiore nel momento piu’ difficile

“Quello che sta accadendo in queste ore in Italia sul piano politico e’ incommentabile, davvero avvilente. E’ la crisi peggiore, nel momento piu’ difficile e complicato per le condizioni di milioni di lavoratori, pensionati, famiglie ed imprese. Speriamo in un sussulto di responsabilita’ del Parlamento e di tutte le forze politiche”. Lo ha detto oggi il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra a Brescia al Consiglio Generale della Cisl di Brescia. (Skytg24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)