Connect with us

economia

Bonus 200 euro A RISCHIO: CAMBIA TUTTO con la crisi di governo, NIENTE PIU’ SOLDI? Ecco cosa succede

Pubblicato

il

bonus 200 euro

BONUS 200 EURO. La crisi politica in corso, oltre a mettere alla prova la tenuta del governo, potrebbe avere effetti su diversi provvedimenti in agenda: i contribuenti iniziano a chiedersi se le dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi avranno delle conseguenze sull’erogazione del contributo una tantum da 200 euro, che molti italiani dovrebbero ricevere a fine mese. Ma il bonus è davvero a rischio?

Il governo Draghi potrebbe concludersi nei prossimi giorni, diversi mesi in anticipo sulla fine della legislatura. La caduta dell’esecutivo potrebbe significare l’interruzione del programma di governo, mettendo a rischio tutte quelle manovre e provvedimenti ancora non completamente attuati. Molti cittadini si chiedono se tra questi potrebbe esserci anche il bonus 200 euro

Il bonus 200 euro è stato introdotto con il dl Aiuti ed è previsto per lavoratori dipendenti, lavoratori domestici, stagionali, disoccupati, pensionati e beneficiari del reddito di cittadinanza. È una misura pensata per aiutare le famiglie contro il caro energia e l’inflazione

Oltre a rientrare in una delle categorie beneficiarie, per avere accesso al bonus bisogna avere anche un reddito inferiore ai 35mila euro annui. La copertura stanziata per questo contributo è di 6 miliardi di euro

Ma il bonus 200 euro è davvero a rischio con la crisi di governo?

In realtà no, la misura non verrà annullata neanche con la caduta dell’esecutivo, come invece potrebbe accadere per altri provvedimenti come il taglio del cuneo fiscale

La differenza con le altre iniziative del governo a rischio è che il bonus è già ratificato e approvato nel dl Aiuti, quindi la sua erogazione portata a termine anche se il governodovesse cambiare

Oltretutto, per alcune categorie è già arrivato: è il caso, per esempio, dei pensionati che lo hanno ricevuto con il cedolino di luglio. Potrebbe essere già arrivato anche per qualche lavoratore dipendente, nonostante la maggior parte lo riceverà con lo stipendio di luglio e quindi a fine mese, se non all’inizio di agosto

Erogazione a luglio anche per beneficiari del reddito di cittadinanza e lavoratori domestici. Discorso diverso per titolari di Naspi, disoccupati e beneficiari dell’ex indennità Covid, che riceveranno il bonus a ottobre, ma sempre senza nessun rischio. Il decreto è definitivamente approvato in Senato e quindi il bonus arriverà a tutti coloro cui spetta

L’unico nodo da sciogliere rimane quello riguardo lavoratori autonomi e professionisti. Anche queste categorie aspettano il bonus, ma non è chiaro quale sarà l’importo spettante e quando verrà erogato

Autonomi con partita Iva e professionisti attendono ancora il decreto attuativo dei ministeri del Lavoro e dell’Economia, provvedimento in ritardo di un mese (doveva essere varato entro il 17 giugno). Il fondo da 500 milioni però è già stato stanziato, e i ministeri continueranno a lavorare anche in caso di un nuovo governo

L’unica differenza che potrebbe scaturire dalla crisi di governo attuale è la mancata estensione del bonus. Sulla carta non c’è nulla, ma il governo aveva ipotizzato la possibilità di estendere il contributo anche ai mesi di agosto e settembre. Ipotesi che potrebbe naufragare se a Palazzo Chigi dovesse insediarsi un nuovo esecutivo. (Skytg24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)