Connect with us

Senza categoria

NUOVO BONUS IN ARRIVO PER TUTTI, FINO A 200 EURO: ecco di che cosa si tratta e come averlo subito

Pubblicato

il

bonus

BONUS. Sono state pubblicate dall’Agenzia delle Entrate le istruzioni per ottenere i buoni benzina fino a un massimo di 200 euro, introdotti dal decreto sul caro-energia per contrastare l’impatto economico dovuto all’aumento dei prezzi del carburante. Possono accedervi i datori di lavoro privati, che possono riconoscerlo ai propri lavoratori dipendenti. I voucher possono essere corrisposti da subito, senza necessità di accordi contrattuali, e valgono per benzina, gasolio, Gpl, metano e per la ricarica di veicoli elettrici.

A chi si rivolge

Come detto, possono erogare il bonus i datori di lavoro privati (anche chi non svolge attività commerciale) e i lavoratori autonomi purché abbiano dipendenti. Sono invece escluse dalla misura le amministrazioni pubbliche. La platea dei beneficiari include solo i lavoratori dipendenti, senza alcun limite reddituale. L’incentivo, corrisposto per un massimo di 200 euro, vale fino al 31 dicembre 2022.

Per quali scopi

I buoni benzina vengono erogati dai lavoratori privati ai propri dipendenti per i rifornimenti di carburante per l’autotrazione, come benzina, gasolio, Gpl e metano. La circolare dell’Agenzia delle Entrate specifica che può essere elargito anche per la ricarica di veicoli elettrici.

Come si ottiene

Per ottenere il bonus non è prevista la presentazione di alcuna domanda da parte del dipendente. È infatti il datore di lavoro a decidere se erogarlo e con quale importo, anche inferiore ai 200 euro. L’incentivo non viene necessariamente riconosciuto a tutti i dipendenti, ma può essere erogato dall’azienda a fasce omogenee di lavoratori o anche a un singolo dipendente.

In caso di altri benefit

Il bonus benzina non concorre alla formazione del reddito di lavoro dipendente e va conteggiato separatamente rispetto ad altri benefit aziendali. In sostanza, l’importo si aggiunge al valore dei fringe benefit esentasse già esistenti, intesi come quei compensi elargiti sotto forma di beni e servizi.

Dunque, i beni e i servizi erogati nel periodo d’imposta 2022 dal datore di lavoro a favore di ciascun lavoratore dipendente possono raggiungere un valore di 200 euro per uno o più buoni benzina e un valore di 258,23 euro per l’insieme degli altri beni e servizi (compresi eventuali ulteriori buoni benzina).

Come retribuzione

I buoni benzina possono essere erogati anche per finalità retributive. In questo caso, l’erogazione deve avvenire nell’anno in corso e in “esecuzione dei contratti aziendali o territoriali”, nel rispetto della normativa prevista per i premi di risultato.(TGCOM24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)