Connect with us

Usa

Usa, Biden conclude il primo viaggio in Medio Oriente: “Non ci allontaneremo mai”

Pubblicato

il

Usa

USA. Gli Stati Uniti “non si allontaneranno” dal Medio Oriente. Lo ha affermato Joe Biden, nel corso del suo incontro con i leader arabi a Gedda, in Arabia Saudita. Il presidente americano conclude il suo primo viaggio nella regione con un bilaterale con il re della Giordania, Abdullah II, e un altro col sovrano del Bahrain, Hamad bin Issa Khalifa.

“Gli Stati Uniti stanno investendo per costruire un futuro positivo nella regione in partnership con tutti voi”, ha spiegato al Consiglio di cooperazione del Golfo, illustrando un “nuovo accordo quadro per il Medio Oriente” in cinque punti, che include il sostegno allo sviluppo economico, alla sicurezza militare e alle libertà democratiche. Questo in cambio di una maggiore integrazione con Israele in funzione anti- iraniana, un aumento della produzione di petrolio per ridurre il caro benzina causato dall’invasione russa in Ucraina e un coinvolgimento nel piano di infrastrutture occidentali alternativo alla nuova Via della Seta cinese (ci sarebbe un impegno per 3 miliardi di dollari).

Riparte il dialogo dopo anni di tensioni e incomprensioni che restano ancora sullo sfondo

Come il brutale omicidio Kashoggi nel consolato saudita a Istanbul nel 2018, che Biden ha rinfacciato personalmente al suo presunto mandante, il principe ereditario Mohammed bin Salman, concedendogli solo un tocco di pugno anziché una stretta di mano.

La tv Al Arabiya

Ha rivelato che il reggente di fatto della monarchia saudita, pur esprimendo rammarico, ha ricordato che “cose del genere accadono dappertutto nel mondo”. Sottolineando i “numerosi errori nel campo dei diritti umani” commessi da Washington, come lo scandaloso trattamento dei prigionieri nel carcere iracheno di Abu Ghraib. Il principe ha espresso anche critiche per le politiche americane nella regione. Ammonendo che cercare di imporre i propri valori con la forza ad altri Paesi è controproducente. Come dimostrato in Iraq e Afghanistan dove gli Usa non hanno avuto successo.

Usa – Alla fine è prevalsa la volontà di guardare avanti

Biden ha invitato il suo omologo degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Mohamed bin Zayed Al-Nahyan, a visitare la Casa Bianca entro la fine dell’anno, dopo relazioni glaciali negli ultimi mesi. La platea: un consesso di re, emiri, principi e sultani, che guidano senza essere stati eletti sette dei nove Paesi partecipanti. I sei del Consiglio di cooperazione del Golfo, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Qatar, Oman, Kuwait e Bahren, più altri tre invitati, Egitto, Giordania e Iraq. Mentre il Cairo è governato da un presidente che ha preso il potere militarmente e opprime il dissenso.

“Il futuro sarà vinto dai Paesi che liberano il pieno potenziale della loro popolazione, dove i cittadini possono mettere in discussione e criticare i loro leader senza paura di rappresaglie”, ha detto il presidente al vertice, mentre il portavoce della Casa Bianca John Kirby assicurava che avrebbe sollevato la questione dei diritti umani con ogni leader incontrato.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)