Connect with us

Senza categoria

Dimentica le chiavi di casa e prova a entrare dalla finestra: fa un volo di 20 metri e muore. Aveva solo 26 anni

Pubblicato

il

Pontedera Faje Papa Mbaye

PONTEDERA. Ha cercato di raggiungere il balcone di casa, uscendo dalla finestra del vano scala, al sesto piano. Un giovane di 26 anni, italiano di origini senegalesi, è morto ieri 22 luglio dopo un volo nel vuoto di circa 20 metri. E’ successo a Pontedera, via Tosco-Romagnola, nella zona del Villaggio Piaggio.

Pontedera – I FATTI

Secondo quanto si apprende dai Carabinieri, che si sono occupati degli accertamenti di rito, il giovane aveva dimenticato le chiavi di casa. Da qua la decisione di cercare di accedere al balcone dell’abitazione passando dall’esterno. Un gesto pericoloso che purtroppo ha avuto esito fatale.

Pontedera – La vittima

Si chiamava Faje Papa Mbaye e aveva 26 anni l’uomo morto all’alba di ieri in via Toscoromagnola,  precipitato a terra da un’altezza di circa 20 metri.

Inutili i soccorsi dei sanitari del 118, intervenuti sul posto attorno alle 5,30 con una autoambulanza della Pubblica Assistenza di Pontedera e l’automedica.

Una tragedia che ha colpito profondamente la comunità senegalese, ora stretta attorno alla famiglia di Faje Papa Mbaye. Che si era trasferito in Francia in cerca di lavoro, tornando in questi giorni a trovare la famiglia a Ponderera. La città in cui era cresciuto e aveva gli amici d’infanzia.(Quinewsvldera)
Muore mentre insegue scippatore, addio a Carlo il capostazione eroe

SANTA MARIA CAPUA A VETERE. IL DRAMMA SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. Se ne è andato così all’improvviso. Si chiamava Carlo Palma, aveva 62 anni ed era di Falciano del Massico, il capostazione morto ieri sera per un arresto cardiaco sulla banchina della stazione di Santa Maria Capua Vetere.

Chi era Carlo Palma

L’esperto dipendente Fs, conosciuto e molto impegnato nel mondo sindacale, è morto da eroe: secondo quanto riferito da alcuni testimoni stava inseguendo uno scippatore che aveva appena assalito una ragazza quando si è sentito male. Polemiche per l’assenza di un defibrillatore nello scalo: quando il 118 è giunto sul posto non ha potuto fare altro che constatare l’avvenuto decesso. (EdizioneCaserta)

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)