Connect with us

cronaca

Oristano, taglia il sughero e si ferisce alla gola: muore dissanguato a 18 anni

Pubblicato

il

Oristano

ORISTANO. Tragedia questa mattina, giovedì 28 luglio, nella campagne di Santu Lussurgiu, nella frazione San Leonardo, in provincia di Oristano. Un ragazzo di 18 anni è morto dopo essersi ferito alla gola con un attrezzo da lavoro in un cantiere forestale.

Oristano – I fatti

Al momento la ricostruzione della tragedia non è ancora chiara, sul posto stanno operando i carabinieri della Compagnia di Ghilarza. Da quanto si apprende il 18nne stava tagliando del sughero con un accetta quando si è ferito. Inutili i soccorsi prestati dalle persone che si trovavano vicino e dal 118, il ragazzo è morto dissanguato.

Da Oristano a Treviso, bimba di 8 anni annega al lago: scappata dalla guerra in Ucraina muore in gita con l’oratorio

TREVISO. Si trovava in Italia solo da qualche mese Mariia Markovetska, la bambina ucraina annegata mercoledì a Revine Lago, in provincia di Treviso.

La piccola, rifugiata in Italia insieme alla madre

Poco dopo l’inizio della guerra in Ucraina, era in gita con il Grest, il gruppo estivo dell’oratorio del Collegio San Giuseppe di Vittorio Veneto (TV). Gli accompagnatori hanno lanciato l’allarme non appena si sono accorti che la bimba non era più nel gruppo, ma quando i soccorsi l’hanno estratta dalle acque non c’era più nulla da fare.

L’incidente

Mariia aveva solo otto anni. Viveva con la madre a Vittorio Veneto, comune di poco più di 27mila abitanti nel Trevigiano. Entrambe erano ospiti del Collegio San Giuseppe, da quando insieme erano scappate dall’invasione russa, ottenendo lo status di rifugiate. Mentre era in gita con il gruppo del suo oratorio, Mariia si sarebbe allontanata per avvicinarsi da sola nell’acqua del lago.

L’allarme al 118

E’ stato lanciato attorno alle 15.50, ma i responsabili del gruppo estivo la stavano cercando già da almeno mezz’ora. A trovarla, ormai senza conoscenza, sarebbe stata una coppia di turisti belgi. I due stavano passeggiando a piedi nudi nell’acqua bassa della riva, quando avrebbero urtato con il piede il corpo adagiato sul fondo.

Inutili i tentativi di salvarla

È stato un vigile del fuoco di 42 anni, Giacomo Chiaramonte, a tuffarsi e portare a riva la bimba: l’uomo ha cercato subito di rianimare la bambina con il messaggio cardiaco dopo chiamato i soccorsi. I sanitari del Suem 118, arrivati con l’elisoccorso, hanno provato per quasi un’ora a rianimarla, ma ogni tentativo si è rivelato vano. La salma è stata trasportata all’obitorio di Vittorio Veneto dove probabilmente sarà eseguita un’autopsia.

Le parole del primo soccorritore

“Io ho fatto una passeggiata qui in riva al lago e ho notato una coppia che con il piede stava spostando un corpo”, racconta il vigile del fuoco ai microfoni di Antenna Tre Nordest.

“L’immagine che ho è un costumino rosso a galla e quando l’ho visto mi sono subito tuffato, l’ho messa in braccio e l’ho portata a riva, provando a rianimarla in continuazione. Siamo stati un quarto d’ora, non so quanto, con tutte le nostre forze. Anche l’infermiera è venuta, anche il proprietario del bar. Poi è arrivato l’elisoccorso, il 118 e abbiamo lasciato tutto in mano a loro”.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)