Connect with us

Senza categoria

PAGAMENTI BONUS 200 EURO, INPS PUBBLICA ALTRE DATE: L’ANNUNCIO CON IL NUOVO CALENDARIO UFFICIALE

Pubblicato

il

Bonus 200 euro

BONUS 200 EURO. I pagamenti bonus 200 euro sono stati completati, secondo quanto annunciato dall’Istituto di previdenza sociale nel suo ultimo messaggio dello scorso 16 agosto. A questo, l’INPS ha aggiunto le tempistiche dei prossimi accrediti per chi non ha ancora ricevuto l’indennità una tantum.

<

div class=”page” title=”Page 1″>

<

div class=”section”>

<

div class=”layoutArea”>

<

div class=”column”>

<

div class=”page” title=”Page 1″>

<

div class=”section”>

<

div class=”layoutArea”>

<

div class=”column”>

Dopo la data del 18 agosto 2022, continuano i pagamenti del bonus 200 euro per i collaboratori domestici, previsti la prossima settimana per chi non ha ancora ricevuto il sussidio.

<

div class=”page” title=”Page 1″>

<

div class=”section”>

<

div class=”layoutArea”>

<

div class=”column”>

Non ci sono novità, invece, per gli accrediti del bonus 200 euro su Rdc. La confusione è stata alimentata da un messaggio dell’Istituto di previdenza sociale, che ha annunciato di aver completato tutti i pagamenti previsti. Eppure ci sono numerosi ritardi e i cittadini sono scontenti per non aver ricevuto il sussidio.

<

div class=”page” title=”Page 1″>

<

div class=”section”>

<

div class=”layoutArea”>

<

div class=”column”>

Bonus 200 euro: pagamenti tra luglio e agosto, per chi?

Come abbiamo anticipato all’inizio, l’INPS ha annunciato un nuovo calendario con le tempistiche di pagamento del bonus 200 euro per chi non ha ancora ricevuto l’indennità.

Nell’ultimo messaggio, pubblicato lo scorso 16 agosto 2022, si legge che più di 14 milioni di italiani hanno ricevuto il bonus una tantum, introdotto dal primo Decreto Aiuti lo scorso 17 maggio 2022. Nello specifico, a partire dal 1° luglio 2022 l’Istituto ha erogato il contributo a13 milioni e 137 mila pensionati e 800mila nuclei percettori delReddito di cittadinanza (anche se molte famiglie devono ancora riceverlo, probabilmente tra il 28 e il 29 agosto con la ricarica ordinaria di Rdc).

Tra questi, c’è chi ha ricevuto l’indennità in automatico, come i dipendenti pubblici, i pensionati, titolari di trattamenti assistenziali e i percettori di Rdc, mentre ci sono anche le categorie che hanno dovuto presentare un’autocertificazione (come i dipendenti privati) oppure una vera e propria domanda.

Quanto ai dipendenti privati, come riporta TheWam, chi ha consegnato l’autocertificazione al datore di lavoro ha già ricevuto la somma nel cedolino di luglio in arrivo entro il 15 di questo mese. Tecnicamente nei 14 milioni questa categoria non viene conteggiata, quindi le persone che hanno ottenuto il bonus sono molte di più.

A queste categorie si aggiungono poi le domande liquidate nei primi di agosto ai lavoratori domestici, in particolare a una platea si 427.634 collaboratori su un totale di 445.875 istanze presentate.

Sui collaboratori domestici

l’ente ci ha tenuto a specificare che si impegnerà a ridurre al massimo i tempi dell’istruttoria. Lo scopo è quello di erogare il pagamento nell’arco di circa 4 giorni lavoratividalla richiesta. Visto che il sistema è automatizzato, i richiedenti possono controllare l’esito della domanda dal sito INPS, nella sezione Prestazioni non Pensionistiche, dedicata proprio al bonus 200 euro.

In effetti, proprio per i collaboratori domestici (come colf e badanti) è stata annunciata una nuova data di pagamento, che corrisponde amartedì 23 agosto 2022. Il pagamento sarà erogato a chi vede questa data nel fascicolo previdenziale del cittadino.

Ricordiamo che questa categoria di lavoratori può richiedere l’indennità una tantum entro il 30 settembre 2022. Nello specifico, potranno ricevere il contributo coloro che soddisfano questi requisiti:

  • hanno presentato domanda per ricevere il contributo economico;
  • hanno sottoscritto un contratto di lavoro regolare o in regolarizzazioneal 18 maggio 2022;
  • hanno prodotto un reddito da lavoro inferiore a 35mila euro nel 2021, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali;hanno svolto almeno 50 giornate di servizio.

Tutte le altre categorie, invece, riceveranno il sussidio il prossimo autunno, chi in automatico e chi dietro presentazione della domanda. Scopri di chi si tratta nel prossimo paragrafo.

<

div class=”page” title=”Page 1″>

<

div class=”section”>

<

div class=”layoutArea”>

<

div class=”column”>

Bonus 200 euro: quando arriva. Il nuovo calendario

Tra i beneficiari del bonus 200 euro mancano all’appello le persone che riceveranno il sussidio il prossimo ottobre 2022.

In particolare, nel mese di ottobre l’INPS verserà in automatico l’indennità da 200 euro ai titolari di Naspi e Dis-Coll (purché in disoccupazione a giugno), ai beneficiari di disoccupazione agricola 2021, nonché ai titolari delle ex Indennità Covid (decreti Sostegni e Sostegni bis).

Sempre nello stesso mese saranno definite le richieste da parte delle altre categorie mancanti, che hanno tempo per compilare la domanda fino al 31 ottobre 2022.

Si tratta nello specifico di questi lavoratori:

  • i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, iscritti alla Gestione separata e con un contratto attivo alla data del 18 maggio 2022 e reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per il 2021;
  • gli iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo, con 50 contributi giornalieri nel 2021, da cui deriva un reddito non superiore a 35.000 euro;
  • gli autonomi occasionali (senza partita IVA), non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, già titolari nel 2021 di contratti disciplinati dall’articolo 2222 del Codice Civile, iscritti alla Gestione Separata alla data del 18 maggio 2022, che abbiano versato almeno un contributo mensile nel corso del 2021;
  • stagionali, a tempo determinato e intermittenti (compresi i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo) con 50 giornate di lavoro effettivo nel 2021 da cui deriva un reddito non superiore a 35mila euro;
  • incaricati alle vendite a domicilio, titolari di partita IVA attiva e iscritti alla Gestione Separata alla data del 18 maggio 2022, che possano far valere per il 2021 un reddito superiore a 5.000 euro derivante da tale attività.

Ricordiamo, inoltre, che il Decreto Aiuti bis (dl 115/2022) ha previsto l’estensione del bonus 200 euro anche ad altre categorie escluse dal primo decreto, tra cui cassaintegrati e lavoratrici rientrate dalla maternità,sportivi, dottorandi, assegnisti di ricerca e pensionati dal 1° luglio 2022.

Anche per questi soggetti i pagamenti del contributo economico sono attesi a partire da ottobre 2022.

Infine, non dimentichiamoci del finanziamento di ulteriori 100 milioni di euro per l’erogazione del bonus 200 euro ai professionisti titolari di Partita Iva. (TheWam)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)