Connect with us

Elezioni 2022

Elezioni politiche 2022, i programmi elettorali di tutti i partiti e coalizioni

Pubblicato

il

Elezioni

ELEZIONI. In vista delle elezioni politiche, in programma per il 25 settembre, le coalizioni e i partiti che si presentano al voto hanno stilato i loro documenti programmatici. Ecco quali sono i punti principali dei vari schieramenti in campo.

Il punto iniziale del programma

Riguarda il posizionamento internazionale dell’Italia, definita “a pieno titolo parte dell’Europa, dell’Alleanza Atlantica e dell’Occidente”, e con l’impostazione di una “politica estera incentrata sulla tutela dell’interesse nazionale e la difesa della Patria”.

Nel documento si affrontano vari temi, dalla riforma del fisco (con l’estensione della flat tax alle partite Iva fino a 100mila euro di fatturato e taglio del cuneo fiscale in favore di imprese e lavoratori) fino a quella della giustizia, passando per la revisione del reddito di cittadinanza, la lotta all’immigrazione e la tutela dell’ambiente.

Tra i 15 punti, i 2 finiti maggiormente al centro dell’attenzione sono il secondo e il terzo: la coalizione propone infatti una “revisione del PNRR in funzione delle mutate condizioni, necessità e priorità”; inoltre i partiti del centrodestra propongono una riforma della Costituzione, prevedendo l’elezione diretta del Presidente della Repubblica e l’accrescimento delle autonomie territoriali.

La Lega ha presentato un suo documento programmatico

Tra i punti: il presidenzialismo alla francese, la flat tax, il diritto alla pensione a 63 anni anagrafica e almeno 20 anni di contributi, i nuovi decreti sicurezza, la realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina, l’abolizione del canone Rai.

Dall’altra parte dello schieramento politico, il Partito democratico ha raccolto intorno a sé una coalizione composta anche da +Europa, Sinistra Italia/Verdi e Impegno civico, la nuova formazione di Luigi Di Maio. La coalizione è frutto di accordi separati stretti dai Dem con le altre formazioni.

In vista del voto del 25 settembre il Partito democratico ha presentato agli elettori un programma incentrato su tre “pilastri”: Sviluppo sostenibile e transizioni ecologica e digitale; Lavoro, conoscenza e giustizia sociale; Diritti e cittadinanza.

Tra le proposte più al centro dell’attenzione si segnala la volontà di garantire “una mensilità in più alla fine dell’anno” per i lavoratori “dovuta alla riduzione delle tasse sul lavoro”; sul tema dei diritti poi il Pd propone l’introduzione dello Ius Scholae, del ddl Zan, una legge sul fine vita e legalizzare l’autoproduzione di cannabis per uso personale.

Elezioni – Tra i partiti della coalizione, anche Sinistra Italiana/Verdi

Hanno presentato un documento programmatico: “Punto numero uno la difesa e attuazione della Costituzione repubblicana e antifascista. Rifiutiamo in particolare ogni forma di presidenzialismo, di rottura dell’unità nazionale, di negazione dei principi fondamentali su cui si basa la nostra convivenza civile”. Il programma è consultabile sul sito di Sinistra Italiana/Verdi.

Il Movimento 5 Stelle correrà alle prossime elezioni politiche da solo: la formazione guidata da Giuseppe Conte ha presentato il programma elettorale articolato in diversi punti, che vanno dai diritti dei lavoratori all’ambiente fino alla salute e all’istruzione.

Tra i punti principali del programma pentastellato si segnala l’intenzione di introdurre un salario minimo legale di 9 euro lordi l’ora e agevolare la sottoscrizione di contratti a tempo indeterminato; l’eliminazione di stage e tirocini gratuiti; un nuovo Superbonus energia imprese; l’eliminazione dell’IRAP; matrimonio egualitario, legge contro l’omotransfobia e Ius scholae.

A correre fuori da alleanze è anche la lista unitaria formata Azione e Italia Viva. Il polo centrista ha presentato un programma composto da 68 pagine, nelle quali ci sono i “punti programmatici per 20 ambiti della vita pubblica”. Sono tre gli obiettivi generali: favorire una crescita economica inclusiva e sostenibile, allargare le opportunità per tutti e semplificare radicalmente la vita ai cittadini

Tra le proposte di Azione/Italia Viva

Si segnala l’ipotesi di includere il nucleare nel mix energetico per arrivare a “emissioni zero” nel 2050; l’introduzione di un salario minimo e l’eliminazione del Reddito di cittadinanza dopo il primo rifiuto di offerta di lavoro; il ripristino della prescrizione sostanziale; l’elezione diretta del premier e il superamento del bicameralismo paritario.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)