Connect with us

mondo

Alluvioni in Pakistan, oltre mille vittime per le inondazioni: un terzo del Paese è sott’acqua

Pubblicato

il

Pakistan

PAKISTAN. Le inondazioni causate dalle piogge monsoniche che da giugno stanno colpendo il Pakistan hanno causato almeno 1.061 vittime. Sono i dati resi noti dall’Autorità per la gestione dei disastri. I servizi di emergenza stanno ancora cercando di raggiungere dei villaggi isolati situati nelle zone montuose del nord del Paese, il che potrebbe aumentare ulteriormente il bilancio. Il ministro federale per il Cambiamento climatico, Sherry Rehman, ha dichiarato che il Paese sta affrontando una “grave catastrofe climatica, una tra le più dure dell’ultimo decennio”. Un terzo del Paese è sott’acqua.

Le inondazioni improvvise

Hanno spazzato via villaggi e raccolti mentre militari e soccorritori hanno evacuato i residenti bloccati al sicuro nei campi di soccorso e fornito cibo a migliaia di sfollati pakistani. Secondo il governo, più di 33 milioni di persone, sono state colpite dalle inondazioni e quasi un milione di case sono state distrutte o gravemente danneggiate. L’Autorità per la gestione dei disastri ha affermato che oltre 80.000 ettari di terreni agricoli sono stati devastati e oltre 3.400 chilometri di strade e 157 ponti sono stati spazzati via.

L’appello del ministro degli Esteri alla comunità internazionale

Intanto il ministro degli Esteri, Bilawal Bhutto-Zardari, ha lanciato un appello alla comunità internazionale. Il Pakistan necessita di assistenza finanziaria per far fronte alle alluvioni “soverchianti” che hanno colpito il Paese. Bhutto-Zardari ha espresso l’auspicio che le istituzioni finanziarie, come il Fondo monetario internazionale, tengano in considerazione la situazione di emergenza nell’ambito dei negoziati già in corso per far fronte alla crisi economica-finanziaria del Pakistan.

Un terzo del Pakistan “è sott’acqua in questo momento”

Lo ha detto il ministro del Cambiamento climatico Sherry Rehman, definendo le inondazioni che hanno colpito il Paese “una crisi di proporzioni inimmaginabili”. “È tutto un grande oceano, non c’è terra asciutta per pompare fuori l’acqua”, ha aggiunto, mentre il Paese lotta ancora contro le inondazioni che hanno colpito 33 milioni di persone.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)