Connect with us

Senza categoria

INPS, SCATTANO I NUOVI PAGAMENTI DI SETTEMBRE: ecco il calendario ufficiale con tutti gli accrediti

Pubblicato

il

Inps Pagamenti

INPS. Ci avviciniamo a settembre ed è arrivato il momento di fare il consueto riepilogo dei pagamenti INPS previsti nelle prossime settimane: dal Bonus 200 Euro fino alle pensioni, con un focus su tutte le principali misure di sostegno al reddito.

Bonus 200 Euro

Alla luce dei rincari su gas, luce, benzina e beni primari, qualche mese fa il Governo Draghi ha introdotto un bonus del valore di 200 euro come supporto per le famiglie e i lavoratori italiani. Parliamo di un indennizzo dedicato a diverse categorie di persone, per ognuna delle quali sono previste differenti modalità di richiesta ed accredito.

I primi pagamenti relativi al bonus 200 euro sono stati erogati nel mese di luglio, mentre gli ultimi verranno accreditati ad ottobre.

Alcune delle categorie aventi diritto, in particolare i domestici (colf e badanti) devono inoltrare la domanda entro il 30 settembre 2022 se vogliono aggiudicarsi l’importo. Chi però fa richiesta prima riceverà (o ha già ricevuto) il pagamento in poco tempo, infatti l’INPS si impegna effettua i versamenti man mano che le domande vengono presentate e lavorate. Le tempistiche di istruttoria sono brevi, dal momento che la procedura è automatizzata: in quattro giorni lavorativi circa si può già consultare l’esito della richiesta sul sito INPS, tramite il servizio “Prestazioni non Pensionistiche”, sezione Bonus 200 euro.

Assegno Unico Figli 2022

L’Assegno Unico Figli 2022 è un indennizzo introdotto a supporto della genitorialità e per la promozione dell’occupazione (per famiglie con figli fino ai 21 anni): il relativo pagamento è programmato a partire dal giorno 16 del mese per coloro che hanno fatto domanda a gennaio e febbraio 2022, mentre tutti gli altri ricevono l’indennizzo alla fine del mese successivo rispetto a quello di presentazione della domanda. Pertanto chi fa richiesta adesso si vedrà accreditare la prima rata a fine ottobre.

ATTENZIONE: Le persone che lo avevano richiesto entro giugno 2022 hanno diritto anche alle mensilità arretrate, da marzo in poi.

Vuoi presentare la domanda per l’Assegno Unico Figli 2022? Puoi farlo da casa, senza file agli sportelli.

NOTA BENE: Anche se non è un requisito imprescindibile, va precisato che – senza la presentazione dell’ISEE – si avrà accesso solo all’importo minimo previsto (ovvero 50 euro). Invece un ISEE aggiornato consentirà di ottenere importi più elevati, in base alla propria fascia (sino a 175 euro, con possibilità di avere maggiorazioni in alcuni casi specifici: nuclei familiari numerosi, mamme sotto i 21 anni, figli disabili etc.).

Reddito di Cittadinanza (RDC) e Pensione di Cittadinanza

Il Reddito e la Pensione di Cittadinanza hanno un calendario fisso per quanto riguarda i pagamenti. In genere il 15 e il 27 sono le date attorno alle quali i beneficiari ricevono le somme a loro destinate. Per il mese di agosto la situazione è la seguente:

  • 15 settembre: a partire da questo giorno i nuovi percettori dell’indennizzo hanno la possibilità di ritirare per la prima volta – presso gli sportelli di Poste Italiane – la carta RDC, con la ricarica del mese

  • 27 settembre: intorno a questa data viene consegnata la nuova mensilità a chi già riceveva l’importo nei mesi precedenti

NOTA BENE (1): Visto che il 31 gennaio è scaduto il termine per richiedere l’aggiornamento dell’ISEE (richiesto alle persone che già ricevevano il Reddito di Cittadinanza), coloro che non hanno provveduto al rinnovo ISEE entro quella data si sono viste bloccare l’erogazione del RDC. Dunque è fondamentale aggiornare il proprio ISEE il prima possibile, pena il mancato pagamento del RDC.

NOTA BENE (2): Il Reddito di Cittadinanza viene erogato continuativamente per un massimo di 18 mesi e successivamente bisogna fare una nuova richiesta. Una volta fatta la domanda, è sempre previsto un mese di stop nei pagamenti. A quel punto, se si avranno ancora i requisiti, si tornerà a percepire il sussidio dal mese successivo (quindi chi fa richiesta adesso riceverà la prima rata da ottobre e non da settembre). Per la Pensione di cittadinanza invece il rinnovo è automatico e non è necessario fare una nuova domanda.

Ricarica Carta Acquisti

Torna a Settembre la ricarica bimestrale della Carta Acquisti, generalmente erogata entro la prima metà del mese dispari.

Va dettoche alcune volte possono verificarsi degli imprevisti nell’accredito per cui, se entro la fine di settembre non dovesse essere ancora disponibile la ricarica della Carta, ti invitiamo a seguire le indicazioni dell’INPS: chiama il numero verde 803 164 ed un operatore controllerà che i pagamenti della domanda non siano bloccati o sospesi.

Si ricorda che la Carta Acquisti è destinata ai bambini fino a 3 anni o adulti con più di 65 anni, con ISEE in corso di validità (aggiornato quindi al 2022) inferiore a 7.001,37 euro. L’importo di ogni ricarica è di 80 euro, quindi 40 euro al mese.

NASpI

Per quanto riguarda la NASpi, o Indennità mensile di disoccupazione (per i subordinati che hanno perso involontariamente il lavoro), non c’è una data specifica per l’accredito in quanto questa varia a seconda del giorno di presentazione della domanda. C’è comunque un periodo di riferimento da tenere in considerazione, ed è quello intorno alla metà del mese: a settembre ci si può aspettare l’accredito a partire dal giorno 10. Stesso periodo è quello previsto per la prestazione di disoccupazione DIS-COLL.

Per conoscere con precisione il giorno del pagamento, ti invitiamo ad effettuare una verifica sul Fascicolo Previdenziale del cittadino, disponibile sul portale Online dell’INPS, nella sezione “Prestazioni e servizi – Fascicolo previdenziale”.

NOTE BENE: Ricorda che per accedere al Fascicolo Previdenziale è necessario essere in possesso delle credenziali SPID, CIE o CNS.

Cassa Integrazione

Per chi percepisce la Cassa integrazione in deroga, del Fondo per l’artigianato o di altra tipologia (pagata direttamente dall’Inps o dell’Ente bilaterale), sono valide le stesse indicazioni date per la NASpI: il giorno del pagamento può cambiare per ogni persona, motivo per cui si suggerisce di verificare le date di disponibilità sul Fascicolo previdenziale, cliccando su “Prestazioni e pagamenti” (menù a sinistra), oppure di fare un controllo sul proprio conto corrente.

Nel caso in cui, a mese inoltrato, non dovessero essere ancora visibili i pagamenti, si consiglia di chiedere aggiornamenti al datore di lavoro o, in alternativa, fare una verifica attraverso il servizio online Inps “Consultazione info previdenziali > Ricerca integrazioni salariali”. In questo modo sarà possibile verificare se l’azienda ha correttamente inserito il singolo come lavoratore in cassa integrazione.

Bonus Irpef

A partire dal 23 settembre arriva il Bonus Irpef (ex Bonus Renzi), del valore di 100 euro/mese: questo bonus spetta ai lavoratori dipendenti e assimilati (privati e pubblici), i disoccupati titolari di NASpI e coloro che già ricevono altre prestazioni economiche a sostegno del reddito (es. l’indennità di maternità, cassa integrazione).

NOTA BENE: Dal 1° gennaio 2022 sono cambiate le condizioni per ricevere il Bonus Irpef: prima i 100 euro erano destinati a chi aveva un reddito da lavoro dipendente o assimilato fino a 28.000 euro/anno, mentre adesso la soglia si è abbassata a 15.000 euro.

Pensioni

I giorni destinati al pagamento delle pensioni agli sportelli fisici negli ultimi mesi sono tornate ad essere quelle della pre-pandemia, infatti ora l’importo viene consegnato nella prima settimana del mese e non più con una settimana di anticipo. Ecco di seguito il calendario del mese in corso, organizzato in base all’ordine alfabetico:

    • Giovedi 1° settembre: cognomi A-B
    • Venerdì 2 settembre: cognomi C-D
    • Sabato 3 settembre (mattina): cognomi E-K
    • Lunedì 5 settembre: cognomi L-O
    • Martedì 6 settembre: cognomi P-R
    • Mercoledì 7 settembre: cognomi S-Z
      A partire dal 1° settembre è previsto anche l’accredito delle pensioni sui conti correnti, per chi ha un conto corrente postale, un libretto di risparmio o una Postepay evolution, e per i pensionati che ritirano i contanti presso gli sportelli Poste Italiane ATM. (Patronato.com)

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)