Connect with us

economia

Gas, verso intesa su price cap. Si studia riforma strutturale del mercato dell’elettricità

Pubblicato

il

Gas

GAS. L’Ue studia degli interventi per cercare di affrontare l’impennata dei prezzi del gas e del kilowattora. Tra le cancellerie europee ci sarebbe un’apertura sulla possibilità di introdurre un tetto temporaneo al prezzo del gas importato e usato nella produzione dell’energia elettrica. C’è poi l’ipotesi di arrivare più strutturalmente al disaccoppiamento (decoupling) del prezzo del gas da quello dell’energia sui mercati all’ingrosso. Oggi in Danimarca l’incontro internazionale sull’indipendenza energetica dalla Russia

Il tema del gas continua a tenere banco in Europa. L’Ue studia degli interventi di emergenza, oltre a una riforma strutturale del mercato dell’elettricità, per cercare di affrontare l’impennata dei prezzi del gas e del kilowattora e impedire un tragico effetto domino sull’economia del Vecchio Continente. Oggi in Danimarca è previsto l’incontro internazionale sull’indipendenza energetica dalla Russia, con Ursula Von der Leyen.

L’apertura sul “price cap”

Tra le cancellerie europee pare si stia facendo strada una doppia soluzione: ci sarebbe un’apertura sulla possibilità di introdurre un tetto temporaneo (“price cap”) al prezzo del gas importato e usato nella produzione dell’energia elettrica, per far scendere anche il prezzo dell’energia; c’è poi l’ipotesi di arrivare più strutturalmente al disaccoppiamento (decoupling) del prezzo del gas da quello dell’energia sui mercati all’ingrosso. La Commissione europea è ancora al lavoro per chiarire la fattibilità di queste proposte, ma si parla di uno studio alle battute finali: una proposta dell’esecutivo europeo dovrebbe arrivare entro pochissimi giorni, per dare poi la parola al confronto tra i 27, in vista del consiglio straordinario dei ministri dell’energia, convocato il 9 settembre a Bruxelles.

Le posizioni

Tra gli ultimi Paesi che si sono convertiti al “price cap” si registrano Austria e Belgio. La Germania chiede di agire in fretta, spingendo soprattutto per una riforma del mercato dell’energia, ma anche Berlino avrebbe aperto sul “price cap”. E gira voce con insistenza nelle capitali di una lettera inviata dal ministro dell’Economia tedesco ai ministeri dell’ambiente dei Paesi Ue nella quale si farebbe riferimento a queste iniziative. La Germania intanto ha raggiunto l’85% di stoccaggio.

La premier francese Elisabeth Borne ha avvertito di prepararsi “al razionamento dell’elettricità alle imprese”. “L’aumento vertiginoso dei prezzi dell’elettricità sta mettendo a nudo i limiti dell’attuale struttura del mercato elettrico, che è stato sviluppato per circostanze diverse. Per questo stiamo lavorando a un intervento di emergenza e a una riforma strutturale del mercato dell’elettricità”, ha detto la presidente della Commissione Ursula von der Leyen. “Dobbiamo fare una riforma strutturale di ampia portata del mercato dell’elettricità. Questo all’inizio del prossimo anno. Abbiamo bisogno di uno strumento di emergenza che agisca più rapidamente. Stiamo parlando di settimane”, ha aggiunto.

I prossimi passi

Una volta che la Commissione avrà formalizzato la sua proposta, chiarendo soprattutto quali siano le misure possibili e se ci siano ostacoli di natura legale ad alcune ipotesi, la parola passerà al confronto tra cancellerie, per una sintesi nella riunione a livello di ambasciatori (Coreper) in agenda il 7 settembre, in vista del Consiglio energia del 9.

Quella del “price cap” è una richiesta portata avanti ormai da mesi da diversi Stati Ue, Italia in testa, con il presidente del consiglio Mario Draghi pronto a discuterne anche a livello di G7. In aprile tra i 27 si è concretizzato un tetto solo in Spagna e Portogallo, poco interconnessi e molto forti sulle rinnovabili. A fine maggio dal Consiglio è stato fatto alla Commissione un “invito ad esplorare” come frenare i prezzi, cui è seguito a giugno un nuovo più forte “invito” a perseguire negli sforzi per assicurare forniture energetiche “a prezzi accessibili”.

A maggio l’Ue si è dotata di un vasto piano per rendersi indipendente dai combustibili fossili russi (Repower Eu) e ha introdotto a fine luglio dei tetti ai consumi volontari (pur on deroghe), potenzialmente obbligatori nel caso scatti un’emergenza sulle forniture.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)