Connect with us

mondo

E’ morto Gorbaciov, addio all’ultimo leader dell’Urss: aveva 91 anni. Fu l’artefice della fine della Guerra Fredda

Pubblicato

il

Gorbaciov

È morto Mikhail Gorbaciov, ultimo leader dell’Unione Sovietica. Aveva 91 anni. Ad annunciarlo è stato l’ospedale dove era ricoverato, il Central Clinical Hospital di Mosca. “Questa notte, dopo una grave e prolungata malattia, Mikhail Sergeyevich Gorbaciov è morto”, recita il comunicato diffuso dal nosocomio e riportato dalla Tass

Gorbaciov è stato l’ultimo segretario generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica e il suo l’ultimo presidente primache si sciogliesse ufficialmente. È passato alla storia per aver promosso e avviato le riforme della Perestrojka

Gorbaciov

Nasce da una famiglia di agricoltori il 2 marzo 1931 nella cittadina di Privol’noe, località rurale nella Russia Sudoccidentale, in provincia di Stavropol’. Qui, anni dopo, inizierà la sua carriera politica, come segretario locale del partito comunista.

Studia giurisprudenza a Mosca, dove si laurea nel 1955 all’Università Lomonosov. È in quegli anni che incontra la sua futura moglie, Raisa Maksimovna. Si dice che i due si videro per la prima volta durante una festa nella casa dello studente. Staranno insieme fino alla morte di lei, nel 1999

A 39 anni, nel 1970, Gorbaciov diventa segretario del partito a Stavropol. Ha così ufficialmente inizio la sua carriera politica, che un anno dopo lo porta a entrare nel Comitato centrale del Pcus. A 48 anni fà il suo ingresso nel Politburo: è il membro più giovane di sempre

La rapida ascesa di Gorbaciov è dovuta anche al rapporto stretto con il capo del Kgb Jurij Andropov, che nel giovane di Stavropol intravede le caratteristiche giuste per guidare l’Urss

Negli anni ’80 incontra per la prima volta l’allora premier britannica Margaret Thatcher. I due rimarranno sempre legati. Nel 1985, ormai a 54 anni, Gorbaciov diventa segretario generale del Pcus. Un anno dopo, al 27esimo Congresso del partito, annuncia i pilastri con cui intende riformare non solo la sua formazione politica ma tutta l’Urss: glasnost (trasparenza), perestrojka (ristrutturazione), demokratisatsiya e uskoreniye (accelerazione)

Sono gli anni in cui si tenta di tirare fuori l’Urss da un isolamento economico e politico che secondo Gorbaciov avrebbe portato la potenza a crollare per sempre. Prova quindi a dare respiro al sistema produttivo, a rinnovare la classe politica, a rendere l’informazione più libera. Riabilita molti dissidenti politici e incontra sempre più spesso i leader mondiali, anche gli americani: prima Reagan e poi Bush, con i quali firmerà gli storici accordi contro la proliferazione delle armi nucleari. Per i media occidentali diventa “Gorby”

Con Gorbaciov cambia l’assetto politico sovietico

È sua l’idea di portare nell’Urss il sistema presidenziale, guidato da un presidente eletto dal Congresso invece che dal segretario del partito. Nel 1989 ci sono le prime elezioni che si possono definire “libere”, nel 1990 Gorbaciov viene nominato presidente

Intanto sta cambiando il mondo: nel 1989 crolla il muro di Berlino, lo stesso dove oggi Gorbaciov è raffigurato in un murales mentre bacia Erich Honecker, ex capo di Stato della Repubblica Democratica Tedesca. Nel 1990 diventa il primo leader sovietico a volare in Vaticano e a incontrare un Papa. Poi va anche a Pechino: Cina e Urss si riavvicinano dopo decenni di gelo. Lo stesso anno vince il Premio Nobel per la Pace

Nell’agosto del 1991, poco prima della firma di un trattato che avrebbe dovuto istituire una comunità di stati sovietici indipendenti – sempre Urss, ma meno centralizzata – Gorbaciov si trova in vacanza in Crimea. Sono i giorni del Putsch di agosto, un tentato colpo di Stato messo in piedi da alcuni membri del governo sovietico che mal sopportano l’idea di Paesi semi-indipendenti

Il golpe fallisce ma il tramonto dell’Urss è ormai iniziato: nel dicembre del 1991 i capi di Russia, Bielorussia e Ucraina la dichiarano dissolta. Nasce la Comunità degli Stati Indipendenti. Il 25 dicembre 1991 Gorbaciov si dimette da presidente dell’Urss e dichiara lo stesso ufficio abolito. Un giorno dopo l’Urss non esiste più.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)