Connect with us

attualità

Termosifone a 19 gradi per tutto l’inverno, SCATTA L’OBBLIGO. La decisione ufficiale del governo: ecco cosa succede se alzi la temperatura

Pubblicato

il

termosifone

Il governo sembra aver tracciato la strada per affrontare l’autunno e l’inverno. L’obiettivo è risparmiare il gas per affrontare le stagioni più fredde dell’anno senza andare in emergenza: perciò il ministro Cingolani ha preparato un piano, che la prossima settimana dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri sotto forma di decreto e dovrebbe essere approvato dal governo Draghi. Da ottobre i termosifoni dovranno essere abbassati di un grado in tutti gli edifici pubblici, ma anche nelle abitazioni private. Si passa da 20 gradi a 19, obbligatoriamente. Il tutto mentre si continuano a riempire gli stoccaggi poco alla volta, con l’obiettivo di arrivare al 90% entro l’autunno e affrontare così più serenamente il resto dell’anno.

La domanda, però, è: cosa rischia chi non abbassa il termosifone? E soprattutto chi fa i controlli? Il piano non è ancora definitivo, ma bisogna fare subito una distinzione: negli edifici pubblici – dagli uffici alle scuole – il termostato sarà obbligatoriamente regolato a 19 gradi. Ma attenzione: tutto ciò varrà anche per gli uffici privati, che saranno controllati così come quelli statali. E dato che la regola varrà anche per le abitazioni private, i controlli arriveranno anche nelle case.

La Polizia locale non potrà bussare certo casa per casa per controllare il termostato dei singoli appartamenti, perciò ci si concentrerà – molto probabilmente – sulle abitazioni con il riscaldamento centralizzato. Spetterà agli amministratori di condominio monitorare la temperatura. In ogni caso i controlli saranno a campione, nelle abitazioni private così come negli altri tipi di edifici.

Per quanto riguarda le case con il riscaldamento autonomo, invece, i controlli diventano effettivamente una chimera. Non che negli altri casi siano realistici, ma la verifica porta a porta è chiaramente irrealizzabile. Perciò il governo punta – contestualmente – anche su una forte persuasione a seguire le regole. Sono pronti spot e campagne di sensibilizzazione sul risparmio energetico.

Per quanto riguarda le multe e sanzioni, invece, al momento tutto tace. Il governo sta ancora riflettendo sulla stesura del decreto, ma è evidente che – in qualche modo – sarà prevista una sanzione per chi non rispetta la regola.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)