Connect with us

cronaca

E’ Irene la ragazza morta nell’incidente in autostrada, aveva solo 21 anni. Il fidanzato alla guida era ubriaco

Pubblicato

il

irene

Irene non sorriderà più. Non potrà più fare la volontaria al Grest, come amava fare. Non ci saranno il termine della scuola e nemmeno la possibilità di trovare un lavoro. La sua vita, ancora agli inizi, ma già tanto promettente, è finita nel buio della notte, lungo l’autostrada. E ancora una volta la morte di una giovanissima si accompagna alla guida in stato di ebbrezza. Irene Zani di Leno era in auto con Lorenzo Cazzago, 21 anni, residente nello stesso paese, trovato con un tasso alcolemico più del doppio del consentito e ora piantonato in ospedale perché accusato di omicidio stradale.

Studente e volontaria

Ad avere la peggio è stata lei: bellissima e dai capelli biondi, iscritta al Capirola di Leno, dove aveva frequentato la seconda D. Il 12 settembre non farà ingresso nella scuola dove aveva tanti amici che le volevano bene e che l’hanno ricordata nel web, sottolineandone la bontà d’animo e la serietà. Molti hanno scritto che era“dolce, educata e riservata”.

La serata

Di certo mai si sarebbe aspettata di chiudere gli occhi per sempre dopo avere passato la serata in provincia di Cremona col suo ragazzo che si è messo al volante dopo un bicchiere di troppo e la cui posizione sarà vagliata e la cui difesa sarà affidata a un legale. Troppo giovani entrambi per una tragedia del genere.

L’incidente

La ricostruzione dei fatti è ancora al vaglio delle forze dell’ordine. Sembra comunque che la vettura del giovane lenese sia uscita di strada senza l’intervento di terzi sulla A21, nel territorio comunale di Pontevico.

Il fidanzato in ospedale

Da chiarire il motivo per cui l’autista ha perso il controllo dell’autovettura, che è andata a schiantarsi contro il guardrail. Per questo motivo Irene non ha avuto scampapo. Il numero unico 112 di Brescia ha inviato sul posto la polizia stradale, i vigili del fuoco e i soccorritori del 118. Per Irene non c’ è stato nulla da fare. Il suo ragazzo è fortemente turbato da quello che è accaduto. Appena starà meglio, ora è in condizioni gravi, sarà trasferito agli arresti domiciliari.

Leno in lutto

Intanto ieri a Leno molti hanno voluto accendere una candela bianca per la giovane Irene, che era spesso in oratorio e aveva fatto l’animatrice al Grest, come volontaria. La piangono papà Alessandro, impegnato in politica, mamma Simona e il fratello Dario. La 17enne era nipote di Vittorio Biemmi, a lungo presidente della Bcc Cassa Padana e ora del Dominato Leonense, oltre che membro del Cda della cooperativa Collaboriamo.

Il dolore

Ieri è stata ricordata dall’ex sindaco di Leno Pietro Bisinella, amico personale della famiglia.”A 17 anni si deve vivere, non morire. Al mio amico Alessando – dice – a Simona, al nonno Vittorio, a Cristina, a Dario e ai famigliari dell’altro ragazzo coinvolto nell’incidente, il mio più forte abbraccio”. Anche l’attuale primo cittadino Cristiana Tedaldi ha parlanto a nome della comunità: “Siamo senza parole. Troppo il dolore”. Gli amici della ragazza, fin da quando la notizia è iniziata a circolare, si sono ritrovati fuori dall’abitazione in cui la 17enne viveva con la madre e il fratello. I parenti, anche il padre separato vive a Leno, si sono chiusi nel dolore. I funerali si svolgeranno mercoledì mattina alle 10.30 in parrocchia a Leno. Fonte: Il Giorno
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)