Connect with us

Guerra Ucraina

Guerra Ucraina, l’ultimatum di Mosca: forniture gas riprenderanno con revoca sanzioni

Pubblicato

il

Mosca

GUERRA UCRAINA. Lo ha dichiarato Peskov, che ha spiegato che le misure contro Mosca “impediscono la manutenzione delle unità”. Poi l’attacco a Borrell: “Si squalifica come diplomatico”. Putin: “Taglio gas russo non risolve problemi ambientali”. Il presidente russo ha fatto sapere poi anche che la produzione di Gazprom “non sta diminuendo, ma sta addirittura aumentando”. Intanto i membri della missione dell’Aiea hanno lasciato la centrale nucleare di Zaporizhzhia, dove sono rimaste due persone come osservatori

Si alza il tono dello scontro tra Ue e Russia. Mosca: “I problemi con le forniture continueranno fino alla revoca delle sanzioni”. Sullo stesso tema, Vladimir Putin ha detto che “tagliare le forniture di gas russo non è il modo migliore per risolvere i problemi ambientali globali”. Il prezzo del gas schizza in giornata a 290 euro per poi ripiegare a 245 euro e le Borse europee chiudono in calo. Borrell accusa: ‘A Mosca c’è un regime fascista’. Replica il Cremlino: “Così si è annullato come diplomatico”. Macron invita alla sobrietà e annuncia un patto con la Germania sullo scambio di gas ed elettricità.

Intanto novità sul fronte della centrale nucleare di Zaporizhzhia

“Sono stato informato che i membri della missione dell’Aiea hanno lasciato la centrale e che due persone sono rimaste come osservatori”. Così Vladimir Rogov, membro dell’amministrazione militare e civile della regione in cui è situata la centrale nucleare. L’ultimo reattore in funzione nella centrale nucleare, poi, è stato disconnesso dalla rete elettrica ucraina. Lo ha affermato su Telegram l’operatore per l’energia nucleare di Kiev, Energoatom. Sul fronte di campo ucraino, Zelensky ha annunciato la liberazione di tre villaggi nel Donetsk. Ma nuovi raid di Mosca spaventano Kherson.

Kiev: colpito deposito di petrolio a Dnipro, scorte distrutte

Un attacco missilistico contro la comunità di Karpiv del distretto di Kryvorizk, nella regione sudorientale ucraina di Dnipropetrovsk, ha colpito stasera un deposito di petrolio, distruggendo tutte le scorte di carburante che erano state immagazzinate al suo interno. Lo hanno riferito i servizi di emergenza locali, citati da Unian, secondo cui un grosso incendio è scoppiato a causa dei bombardamenti e i vigili del fuoco stanno lavorando sul posto per cercare di domarlo. La regione era già stata colpita da raid nelle scorse ore, provocando almeno una vittima civile.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)