Connect with us

salute

Covid, Cina: approvato il primo vaccino inalabile al mondo

Pubblicato

il

Covid

COVID. Prodotto dal gruppo farmaceutico CanSino Biologics, il vaccino potrà essere somministrato con un semplice nebulizzatore, senza quindi ricorrere all’uso dell’ago.

Approvato il primo vaccino inalabile al mondo. Arriva dalla Cina prodotto dal gruppo farmaceutico CanSino Biologics. Dopo l’autorizzazione dell’Amministrazione Nazionale per i Farmaci cinese, il nuovo vaccino pronto per essere utilizzato. Ancora non comunicato quando sarà disponibile sul mercato.

Il nuovo vaccino cinese

Da somministrare con un semplice nebulizzatore, e senza quindi ricorrere all’uso dell’ago, il nuovo vaccino potrà essere conservato molto più facilmente, fanno sapere dalla società. La notizia, diffusa nella giornata di lunedì 5 settembre, resa nota dal gruppo farmaceutico di Tianjin in una nota alla Borsa di Hong Kong, provocando un rialzo delle azioni del gruppo pari al 14%, titoli stabilizzatisi in chiusura al +7,1%.

Il nuovo vaccino, utilizzato come richiamo d’emergenza, è il primo siero inalabile al mondo ad avere ottenuto un’approvazione da parte delle autorità sanitarie. Secondo quando riportato dal Global Times di Pechino, anche il gruppo Sinovac sarebbe vicino all’approvazione per l’uso di emergenza di un nuovo vaccino in grado di contrastare Omicron.

I vaccini nel resto del mondo

Finora in Cina prodotti otto vaccini, tutti iniettabili. Diversamente, non approvati i vaccini stranieri che utilizzano la tecnologia mRNA, riconosciuta come più efficace per combattere il virus rispetto quella utilizzata nei vaccini tradizionali. Sull’onda cinese, anche negli Stati Uniti, in Canada e a Cuba si stanno sperimentando vaccini inalabili.

A due anni abbondanti dall’inizio della pandemia, la Cina rimane l’unica potenza al mondo a mantenere politiche restrittive contro la diffusione del Covid. A Chengdu, 21 milioni di abitanti, annunciata nella scorsa settimana la ‘gestione chiusa’ della città. A Shenzhen, invece, sollevata dal lockdown per tutti i residenti, misure per contrastare la diffusione della pandemia sono state estese a diversi distretti della metropoli. Nonostante siano oltre 3,4 miliardi le dosi di vaccino somministrate, sono oltre 65 milioni le persone ancora coinvolte in dure forme di lockdown. Quando tutto questo finirà non è dato saperlo, ma quello che si nota è che molti cittadini, in varie parti della Cina, non reggono più determinate misure contenitive.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)