Connect with us

politica

Elezioni 2022, sesta rilevazione Tecnè: il Centrodestra sempre in testa

Published

on

elezioni

ELEZIONI 2022. Sesta rilevazione di Tecnè in vista della tornata elettorale del 25 settembre. Nella prima settimana di settembre si registra un lieve calo sia per il Centrodestra, che comunque mantiene il 48,7% delle preferenze nell’uninominale alla Camera, sia per il Centrosinistra, che scende al 27,9% dei consensi.

Elezioni 2022, la rilevazione

In leggera crescita, invece, M5s e Terzo Polo, mentre calano ancora gli indecisi. Centrodestra avanti anche per le elezioni regionali in Sicilia, con Renato Schifani in netto vantaggio su Caterina Chinnici.

Il sistema elettorale 

Per comprendere l’analisi di Tecnè è necessario ricordare che il sistema elettorale attuale, il “Rosatellum”, prevede l’assegnazione dei seggi attraverso un mix di maggioritario e proporzionale. Due terzi di Camera e Senato vengono infatti assegnati con un sistema proporzionale attraverso un meccanismo di listini “bloccati”, ma è sul restante terzo che si gioca la partita più importante: nei seggi uninominali vince il candidato che ottiene più voti.

L’andamento nell’uninominale 

Le intenzioni di voto nell’uninominale portano a una netta affermazione della coalizione di Centrodestra rispetto a quella di Centrosinistra, con oltre 20 punti percentuali di distacco. Alle loro spalle sia Movimento 5 Stelle che Terzo Polo (composto da Italia viva / Azione) guadagnano leggermente terreno.

La situazione siciliana

In questo rapporto Tecnè ha testato il polso dell’elettorato anche per quanto concerne la tornata elettorale per le regionali in Sicilia. Avanti Renato Schifani, Centrodestra, con una forbice tra il 37% e il 41%, seguito da Caterina Chinnici, Centrosinistra, attestata tra il 25% e il 29%, mentre in terza posizione si trova Cateno De Luca, indipendente, con il 13-17%..
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

politica

Nuovo governo, Meloni: “Vogliamo un’Italia che torni a pensare in grande”

Published

on

Meloni

NUOVO GOVERNO.“Siamo al lavoro per una squadra di governo di alto profilo che metta al centro della sua azione la difesa dell’interesse nazionale e dei cittadini”. Lo scrive su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Vogliamo un’Italia che torni a pensare in grande”, precisa.

Arrivando alla Camera, Giorgia Meloni ha detto: “Oggi è un’altra giornata di lavoro sui dossier più dedicati per essere pronti il prima possibile, sono molto ottimista”. Poi nega il presunto scontro con Mario Draghi sul Pnrr, ma aggiunge: “Dobbiamo fare ancora meglio”.

Nuovo governo Meloni – Fonti Ue: “Il piano procede secondo quanto previsto”

Matteo Renzi la pungola: “Anziché discutere con Salvini del totoministri, vai tu a Bruxelles al Consiglio Ue. Hai fatto cadere Draghi, ora governa tu. Se ti riesce”. Il Pd a raccolta nella prima direzione del partito dopo le elezioni. Letta nella sua relazione auspica che il simbolo “rimanga così com’è”. Le poche donne Pd elette – ha detto – sono il fallimento della nostra rappresentanza: i capi dei gruppi parlamentari siano donne. No alla permanenza più a lungo: lo riterrei un errore per voi e per il partito, si metta in campo una classe dirigente più giovane”. Il congresso non deve essere un X Factor, a primavera il nuovo gruppo dirigente”.

Italia e 3 Paesi: tetto non sia solo al gas per elettricità

Un tetto limitato al gas impiegato per l’energia elettrica “ignora i 2/3 del mercato del gas” e crea “disincentivi alla riduzione dei prezzi” in quanto gli importatori saranno compensati per qualsiasi prezzo pagano. E’ quanto si legge nel non paper – documento non ufficiale – con le proposte di Italia, Belgio, Polonia e Grecia sul price cap al gas. Nel testo si sottolinea inoltre come tale soluzione potrebbe creare “una passività senza un chiaro limite verso l’esterno”, ad esempio perché il prezzo all’importazione può continuare a salire, richiedendo più risorse per mantenere il tetto.

Nuovo governo Meloni – Salvini a Milano vede Giorgetti e Fontana, stasera i militanti

Giornata di lavoro milanese per il segretario della Lega, Matteo Salvini. Nessun incontro pubblico, nemmeno quello di questa sera a Saronno, in provincia di Varese, dove nella Sala ‘Aldo Moro’ di via Santuario si terrà l’assemblea provinciale dei militanti del Carroccio. Nel capoluogo lombardo Salvini ha incontrato, secondo quanto si apprende, Giancarlo Giorgetti e Attilio Fontana. Un’occasione, probabilmente, per fare il punto sulle strategie del partito, tra il nuovo governo e le regionali del prossimo anno, dove oltre a Fontana, anche la vicepresidente della Regione Letizia Moratti ha ribadito la sua disponibilità a candidarsi e attende una risposta dal centrodestra. Con quest’ultima, sempre secondo quanto si apprende, non sono invece previsti incontri, almeno per oggi. In serata a Saronno, il leader della Lega sarà di nuovo con Giorgetti e Fontana per l’assemblea dei militanti insieme ad alcuni parlamentari del territorio. Un momento di confronto per analizzare i risultati elettorali, la situazione politica e le future strategie.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading

politica

Nuovo governo, Meloni: “Pronti il prima possibile, sono ottimista”

Published

on

Meloni

NUOVO GOVERNO. Arrivando alla Camera, Giorgia Meloni ha detto: “Oggi è un’altra giornata di lavoro sui dossier più dedicati per essere pronti il prima possibile, sono molto ottimista”. Poi nega il presunto scontro con Mario Draghi sul Pnrr, ma aggiunge: “Dobbiamo fare ancora meglio”.

Nuovo governo Meloni – Fonti Ue: “Il piano procede secondo quanto previsto”

Matteo Renzi la pungola: “Anziché discutere con Salvini del totoministri, vai tu a Bruxelles al Consiglio Ue. Hai fatto cadere Draghi, ora governa tu. Se ti riesce”. Il Pd a raccolta nella prima direzione del partito dopo le elezioni. Letta nella sua relazione auspica che il simbolo “rimanga così com’è”. Le poche donne Pd elette – ha detto – sono il fallimento della nostra rappresentanza: i capi dei gruppi parlamentari siano donne. No alla permanenza più a lungo: lo riterrei un errore per voi e per il partito, si metta in campo una classe dirigente più giovane”. Il congresso non deve essere un X Factor, a primavera il nuovo gruppo dirigente”.

Italia e 3 Paesi: tetto non sia solo al gas per elettricità

Un tetto limitato al gas impiegato per l’energia elettrica “ignora i 2/3 del mercato del gas” e crea “disincentivi alla riduzione dei prezzi” in quanto gli importatori saranno compensati per qualsiasi prezzo pagano. E’ quanto si legge nel non paper – documento non ufficiale – con le proposte di Italia, Belgio, Polonia e Grecia sul price cap al gas. Nel testo si sottolinea inoltre come tale soluzione potrebbe creare “una passività senza un chiaro limite verso l’esterno”, ad esempio perché il prezzo all’importazione può continuare a salire, richiedendo più risorse per mantenere il tetto.

Nuovo governo Meloni – Salvini a Milano vede Giorgetti e Fontana, stasera i militanti

Giornata di lavoro milanese per il segretario della Lega, Matteo Salvini. Nessun incontro pubblico, nemmeno quello di questa sera a Saronno, in provincia di Varese, dove nella Sala ‘Aldo Moro’ di via Santuario si terrà l’assemblea provinciale dei militanti del Carroccio. Nel capoluogo lombardo Salvini ha incontrato, secondo quanto si apprende, Giancarlo Giorgetti e Attilio Fontana. Un’occasione, probabilmente, per fare il punto sulle strategie del partito, tra il nuovo governo e le regionali del prossimo anno, dove oltre a Fontana, anche la vicepresidente della Regione Letizia Moratti ha ribadito la sua disponibilità a candidarsi e attende una risposta dal centrodestra. Con quest’ultima, sempre secondo quanto si apprende, non sono invece previsti incontri, almeno per oggi. In serata a Saronno, il leader della Lega sarà di nuovo con Giorgetti e Fontana per l’assemblea dei militanti insieme ad alcuni parlamentari del territorio. Un momento di confronto per analizzare i risultati elettorali, la situazione politica e le future strategie.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading

italia

Pd, Letta: “Il simbolo rimanga com’è, i capigruppo siano donne”

Published

on

By

letta

Il congresso costituente del “nuovo” Pd si terrà nei tempi stabiliti. Lo ha annunciato Enrico Letta, sgombrando dunque il campo dall’eventualità di una “proroga” della sua segreteria per completare il processo di transizione e rinnovamento del partito.

Letta: “Discuteremo del Pd e del simbolo”

“Discuteremo del Pd e anche del suo simbolo, che amo. La mia personale scelta è che rimanga esattamente così com’è, perché racconta il servizio all’Italia”, ha affermato l’ex premier alla Direzione nazionale dem sull’analisi del risultato elettorale.

E sulle “quota rosa” dem: “Non è possibile tornare indietro rispetto alla necessità di avere dei capi dei gruppi parlamentari di rappresentanza femminile”.

“Le poche donne Pd elette sono il fallimento della nostra rappresentanza. È chiaro ed evidente, non ho molto da aggiungere, e rappresenta il senso di un partito che non ha compiuto il salto in avanti necessario”, ha proseguito Letta.

“Non resto più a lungo, avanti le nuove generazioni”

“Ringrazio quanti mi hanno chiesto un impegno di più lungo periodo, ma lo riterrei un errore per voi e per il partito”, ha dichiarato ancora l’ex presidente del Consiglio. “Ho iniziato la mia militanza politica da giovane, sono stato ministro nel ’98 ed è giusto che il nostro partito metta in campo una classe dirigente più giovane in grado di sfidare il governo di Giorgia Meloni, una donna giovane”.

Letta: “In primavera i nomi dei nuovi dirigenti dem”

Il congresso deve avere “tempi giusti, non deve essere né un X Factor sul miglior segretario da fare in 40 giorni, ma nemmeno un congresso che rinvia alle calende greche. Vorrei che il nuovo gruppo dirigente fosse in campo con l’inizio della nuova primavera. Abbiamo bisogno di partire da marzo con una scelta significativa”.

“Un campo ha vinto perché unito”

“Un campo ha vinto perché unito, mentre un altro, nonostante lo sforzo di mesi e anni, non è stato unito e ha perso”, ha osservato ancora il segretario del Partito democratico. “L’unica forza che ha vinto le elezioni è Fratelli d’Italia, il commento al voto è stato confuso e molto asimmetrico, tutte le altre forze le elezioni non le hanno vinte o le hanno perse”.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading
Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

Trending

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)