Connect with us

cronaca

Ultim’ora. Lizzano, crolla il solaio di una palazzina: ennesima strage sul lavoro. Un altro operaio morto

Pubblicato

il

Lizzano

LIZZANO. Ennesima tragedia sul lavoro. Grave incidente sul lavoro a Lizzano, in provincia di Taranto, dove un operaio è morto mentre lavorava, insieme a un collega, nel solaio di una palazzina in via di ristrutturazione. La struttura è crollata trascinando con sé i due uomini. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e le squadre del 118 che hanno estratto dalle macerie entrambi i lavoratori, uno dei quali ancora vivo mentre l’altro privo di vita.

Disabile giù dalla finestra: indagati 4 poliziotti. La testimone: “Erano in 5, c’era anche una dottoressa”

DISABILE GIU’ DALAL FINESTRA. Quattro agenti del commissariato Primavalle sono stati iscritti nel registro degli indagati in relazione alla vicenda di Hasib Omerovic, il 36enne sordomuto precipitato il 25 luglio dalla finestra della sua abitazione a Roma nel corso di una perquisizione delle forze dell’ordine. Si tratta di un atto dovuto, necessario per fare gli accertamenti di rito e a garanzia degli stessi indagati. Le accuse contestate dalla Procura capitolina, a seconda delle posizioni, sono di tentato omicidio e falso.

L’inchiesta del pm Stefano Luciani, affidata al lavoro degli investigatori della squadra mobile di Roma, dovrà stabilire quale sia la causa di questo tragico evento.

Disabile giù dalla finestra – La ricostruzione

Come riportato dal quotidiano Il Messaggero, i quattro poliziotti che hanno bussato alla porta dell’abitazione della famiglia Omerovic non avevano un mandato di perquisizione della Procura. Si sarebbe trattato dunque di un intervento di iniziativa, non legato a una attività delegata dall’autorità giudiziaria, ma dalle proteste di alcuni residenti che accusavano Hasib su Facebook di aver importunato delle ragazze. Una telefonata al commissariato sarebbe arrivata proprio il 25 luglio.

La relazione di servizio

Secondo quanto scritto nella relazione di servizio, alle 12:29 personale del commissariato Primavalle è intervenuto “per identificare un cittadino bosniaco, il quale, a seguito del controllo, si è gettato dalla finestra di casa, cadendo nel cortile condominiale. Soccorso dal personale del 118, è stato trasferito al policlinico Gemelli”. Sulla base di questa segnalazione arrivata in Procura, che lasciava intendere si trattasse di un tentato suicidio, il pm di turno non ha disposto accertamenti o delegato indagini. Il fascicolo, quindi, è stato aperto senza ipotesi di reato.

Disabile giù dalla finestra – La denuncia dei familiari

In seguito alla denuncia dei familiari del 36enne disabile, il quadro indiziario è apparso più grave. La sorella minore di Hasib, l’unica a essere presente con lui nell’appartamento quella mattina, ha dichiarato di aver visto gli agenti picchiare il fratello e spingerlo giù dalla finestra. Ma gli inquirenti hanno dubbi sulla sua attendibilità di testimone oculare perché probabilmente si trovava in una stanza che non le consentiva di osservare la scena.

Ipotesi di inquinamento delle prove

Il ritardo di 15 giorni nell’avvio delle indagini potrebbe aver comportato anche un inquinamento delle prove. Le lenzuola macchiate di sangue e il bastone spezzato di una scopa, trovati nell’appartamento, sono stati sequestrati solo il 12 agosto per permettere gli accertamenti della Scientifica. Dai racconti di alcuni vicini di casa, infatti, sembra ci fossero frequenti liti in famiglia, visto che sentivano le urla dei fratelli. Gli accertamenti sono stati allargati anche ad altri 4 agenti della catena di comando del commissariato Primavalle: l’obiettivo è verificare se ci siano state omissioni o favoreggiamenti.

Le condizioni del 36enne

Intanto Hasib, sordomuto dalla nascita, si trova ancora in coma al policlinico Gemelli con svariate fratture. Le sue condizioni sono in leggero miglioramento: non è più in pericolo di vita, ma resta un quadro clinico complesso alla luce dei tre interventi chirurgici a cui è stato sottoposto.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)