Connect with us

Elezioni 2022

Elezioni 2022. Dossier Usa su fondi russi, il presidente del Copasir: “Caso chiuso”

Pubblicato

il

Elezioni

ELEZIONI 2022. Adolfo Urso conferma: “Il discorso è chiuso e non si sarebbe dovuto neanche aprire”. In precedenza il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Franco Gabrielli aveva mostrato al Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica che nelle carte di Washington sui 300 milioni di euro pagati da Mosca a oltre 20 partiti e politici europei dal 2014 non ci sono riferimenti a soggetti nazionali. Sulla stessa linea anche Draghi: “Blinken mi ha detto che non siamo coinvolti”

Nessuna evidenza che i fondi russi a Paesi europei finiti al centro del dossier divulgato da Washington nei giorni scorsi siano finiti nei conti di politici o partiti italiani. Ad affermarlo è l’Autorità delegata alla sicurezza Franco Gabrielli nel corso dell’audizione tenuta con il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir). Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha affermato: “Non ci sono rischi per il nostro Paese”. La conferma del presidente dell’organo e senatore di Fdi Adolfo Urso: “Nessun profilo riguardante Roma”.

Elezioni – L’audizione

Come reso noto da Urso, nel corso dell’audizione “sono stati forniti elementi riguardanti le recenti dichiarazioni rese dall’amministrazione Usa in ordine alle attività di ingerenza russa nei processi democratici di diversi Paesi e da essi non sono emersi profili concernenti la sicurezza nazionale”. In sostanza, Gabrielli ha illustrato all’organo i rapporti redatti dal Dipartimento delle informazioni per la sicurezza e dall’Agenzia informazioni per la sicurezza esterna sulla di quanto comunicato da Stati Uniti, dimostrando la mancanza di evidenze sul coinvolgimento di soggetti italiani. Il sottosegretario avrebbe anche fatto riferimento alla telefonata tra il premier Mario Draghi e il segretario di Stato americano Antony Blinken, nella quale il secondo avrebbe ribadito l’estraneità della Penisola al dossier.

Il dossier

La polemica politica si era scatenata mercoledì scorso, quando l’amministrazione Biden aveva pubblicato un documento nel quale si evidenziava come la Russia avesse trasferito segretamente dal 2014 oltre 300 milioni di euro a partiti politici, dirigenti e politici stranieri di oltre una ventina di Paesi per esercitare il suo “soft power”. Subito Pd e Movimento Cinque Stelle avevano chiesto di fare chiarezza prima del voto del 25 settembre mentre Lega e Fratelli d’Italia si erano detti completamente estranei alla vicenda.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)