Connect with us

cronaca

Tragedia scuola-lavoro, è Giuliano De Seta il 18enne morto schiacciato da una lastra di metallo: “stava concludendo la seconda settimana di stage”

Pubblicato

il

Giuliano De Seta

ADDIO GIULIANO DE SETA. Si può morire a 18 anni così? E’ questa la domanda che rimbomba nella mente di tutti, amici, compagni di classe, professori, concittadini… No la risposta sarebbe semplicemente “no”. Ed invece Giuliano non c’è più, stroncato di una lastra di metallo mentre cercava solo di imparare un lavoro, un mestiere. Giuliano come Lorenzo e Giuseppe, 18 e 16 anni, lo stesso tragico destino: morire mentre si impara un mestiere. Giovani che differentemente dalla massa e da quel che si dice volevano solo lavorare, costruirsi un futuro.

Addio Giuliano – Il dramma a Venezia

Gli piaceva girare con la sua Vespa, aveva compiuto 18 anni a inizio agosto, sognava la patente. Voleva concludere la scuola e trovare un lavoro. Ieri poco dopo le 17, Giuliano De Seta è morto schiacciato da una lastra di metallo di un paio di tonnellate nell’azienda Bc Service di Noventa di Piave. Stava concludendo la seconda di tre settimane di stage avviate con la sua scuola, l’istituto tecnico Da Vinci di Portogruaro.

VENEZIA – Gli piaceva girare con la sua Vespa, aveva compiuto 18 anni a inizio agosto, sognava la patente. Voleva concludere la scuola e trovare un lavoro. Oggi poco dopo le 17, Giuliano De Seta è morto schiacciato da una lastra di metallo di un paio di tonnellate nell’azienda Bc Service di Noventa di Piave. Stava concludendo la seconda di tre settimane di stage avviate con la sua scuola, l’istituto tecnico Da Vinci di Portogruaro.

Chi era Giuliano De Seta

Il ragazzo, originario di Ceggia, un piccolo paese del Veneto orientale, frequentava la classe quinta, indirizzo elettronico ed elettromeccanico. Voleva mettere in pratica quello che aveva studiato, essere pronto, una volta concluso l’anno scolastico, a entrare nel mercato del lavoro. A questo doveva servire la sua presenza in azienda. La Bc Service è un’azienda che opera nel settore meccanico e idraulico e si occupa, tra le altre cose, di saldatura e realizzazione di stampi. Il 18enne, nel tardo pomeriggio, è stato investito da una lastra di metallo, poggiata su un carro ponte che gli ha schiacciato le gambe mentre lui era intento a provare un macchinario.

I soccorsi

I primi a intervenire sono stati gli operai dell’azienda, i soccorsi da parte dei medici del Suem non sono serviti. Come sia stato possibile che lo studente, durante uno stage, si trovasse in una situazione di pericolo, è quanto stanno cercando di capire i carabinieri di San Donà e i tecnici dello Spisal. Anche per appurare se, in quel momento, si trovasse da solo in quella parte dell’azienda, come risulta dai primi accertamenti. Dopo essere stati informati, i genitori del ragazzo, Enzo De Seta e Antonella Biasi, sono corsi davanti ai cancelli della fabbrica. “Per me il mondo è finito”, le uniche parole del padre.

Davanti alla Bc Service anche la preside dell’Istituto Da Vinci:

“Sono anni che organizziamo questi stage, i ragazzi sono formati, preparati, le aziende scelte con criterio. Il ragazzo aveva iniziato il suo percorso, gli mancava solo una settimana, non riusciamo a capire. Non doveva succedere, siamo disperati”. “Un ragazzo non può entrare in un’azienda per imparare un lavoro e non uscire più”, le parole di Mirko Marin, il sindaco di Ceggia, il paese di poco più di 6 mila persone dove abita la famiglia del ragazzo, che lascia anche un fratello minore, e dove si conoscono tutti.

I precedenti

E’ il secondo caso di infortunio mortale durante uno stage, nel Nordest, e il terzo in Italia, nell’arco di pochi mesi. Lo scorso gennaio Lorenzo Parrelli, 18 anni, era rimasto schiacciato da una putrella di acciaio alla Burimec di Lauzacco di Pavia di Udine, l’azienda dove stava svolgendo il tirocinio. Oggi è accaduto di nuovo, a meno di un’ora d’auto di distanza. A febbraio invece un ragazzo di 16 anni, Giuseppe Lenoci, originario di Monte Urano (Fermo), era morto in un incidente stradale nelle Marche: era a bordo di un furgone di una ditta di termo-idraulica nella quale, anche lui, stava facendo uno stage. (Repubblica)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)