Connect with us

Senza categoria

INPS, SCATTANO I CONTROLLI ANTI FURBETTI! Assegni sotto la lente di ingrandimento, ecco chi rischia

Pubblicato

il

INPS

Al via i controlli dell’INPS sugli assegni di pensione a partire dal 14 settembre. Il lavoro dell’ente di previdenza sociale si fa sempre più fitto negli ultimi anni. Infatti, oltre al pagamento degli assegni della pensione ormai da diversi anni l’ente si occupa anche dei pagamenti delle misure di sostegno alle fasce di popolazioni più deboli come i percettori di Naspi o del reddito di cittadinanza.

Inoltre, da quest’anno è partito l’assegno unico universale per i figli a carico fino all’età di 21 anni che coinvolge una vasta platea della popolazione. L’intensa attività di erogazioni deve essere accompagnata anche da un’attenta rilevazione e controllo dei versamenti e dei destinatari.

Pensioni all’estero, al via i controlli

Infatti, a partire dallo scorso 14 settembre l’Inps si occuperà di controllare le pensioni dei percettori italiani che vivono all’estero. In particolar odo, il controllo riguarda gli assegni dei residenti in Portogallo, Spagna e Tunisia. I pensionati che si trasferiscono in questi Stati sono numerosi perché in tali contesti possono usufruire di una tassazione più agevole rispetto a quella italiana.

Basta pensare che dal 2017 al 2021 i pensionati italiani che si sono spostati in Portogallo sono più che triplicati passando da 994 a più di 3.500. I controlli riguarderanno la verifica dell’esistenza in vita di tali pensionati. Solitamente questo compito è svolto a campione da Citybank, l’istituto bancario che si occupa dei pagamenti delle pensioni degli italiani che vivono all’estero.

Tuttavia, è necessario un controllo più approfondito. Infatti, ad oggi sono 326.000 le pensioni erogate nei 165 Paesi per un totale di quasi 1,4 miliardi. Le prime verifiche riguarderanno i residenti in Europa, con esclusione di Scandinavia e Paesi dell’est, Africa e Oceania.

Già effettuati, invece, i controlli dell’Inps sui residenti i Usa, Sudamerica, Asia, Estremo Oriente, Paesi scandinavi ed est Europa. Il controllo consiste in un invio di una comunicazione dove è necessario compilare la dichiarazione di esistenza in vita entro il 12 gennaio del 2023. L’Inps fa sapere che in caso di mancato invio, il pagamento della rata di febbraio prossimo avverrà in contanti presso le agenzie della Western Union.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)