Connect with us

campania

San Gennaro, attese duemila persone per il prodigio: “Tanti immigrati tra i fedeli. Immagini che commuovono”

Pubblicato

il

san gennaro

Oggi è il 19 settembre, San Gennaro, una tra le giornate più importanti per Napoli. Al Duomo stanno accorrendo i primi fedeli che attendono, nel giorno del Santo Patrono, il compimento del miracolo.

Sono attese oltre duemila persone solo per la messa. Numeri che con le ore cresceranno notevolmente. “Le parenti anche oggi esorteranno il Santo al miracolo ma stanno sparendo, forse è un segno dei tempi ” racconta monsignor Vincenzo De Gregorio, abate prelato della Cappella del tesoro, che alle 9.15 aprirà la cassaforte con l’arcivescovo Domenico Battaglia, il sindaco Gaetano Manfredi e i rappresentanti della deputazione di San Gennaro. La teca con le ampolle sarà esposta sull’altare per la solenne celebrazione eucaristica.

Questo sarà il secondo prodigio di settembre celebrato dall’arcivescovo Battaglia. Il culto del Santo è forte e vivo nella gente. E se a Milano un gruppo di donne ha creato una piccola succursale di ” parenti” organizzando una sessione di preghiera in diretta Facebook, a Napoli al momento non si sono ufficialmente unite altre donne al nucleo. Le parenti della città ” hanno tra i 70 e i 90 anni circa – prosegue De Gregorio – la più giovane è una 40enne di Torre del Greco che sta cercando di mantenere viva la tradizione. Le fedeli si sono sempre aggregate in maniera indipendente e spontanea, un intervento dall’esterno stravolgerebbe l’identità del gruppo che deve restare autonomo”.

Oggi però si celebra il Santo: la cattedrale sarà aperta per l’intera giornata. Se avverrà subito la liquefazione, l’arcivescovo annuncerà il prodigio. E al termine della messa mostrerà sul sagrato le ampolle alla città mentre un gruppo di ragazzi intonerà un canto. Altre due celebrazioni sono previste alle 12.30 e alle 18.30. Tra i fedeli ci saranno numerosi immigrati “che ormai formano una buona parte del popolo di San Gennaro – spiega l’abate – la domenica mattina c’è una processione di indiani e africani che portano mazzi di fiori al patrono e alla Madonna, un’immagine bella e commovente. E ancora oggi i napoletani regalano beni. Qualche tempo fauna giovanissima signora mi consegnò una fede nuziale e un anellino di fidanzamento, disse “E’ il mio grazie a San Gennaro” ” . Piccoli flash che raccontano il rapporto “familiare” e unico con il patrono.

“A San Gennaro in città sono dedicate oltre 100 edicole e statue, dal porto al ponte della Maddalena – spiega Paolo Iorio, studioso e direttore del museo del tesoro – Il nostro patrono ha oltre 25 milioni di devoti nel mondo. Lo scioglimento del sangue è la speranza di rinascita tipica del nostro popolo ” . Tanti i personaggi famosi legati a San Gennaro, anche la defunta regina Elisabetta venne a vedere l’inestimabile tesoro.

La celebrazione sarà trasmessa in streaming in tutto il mondo da Canale 21 e da Maria Tv, online anche sul portale dell’Arcidiocesi. La festa profana è già partita a Little Italy, negli Usa: uno degli organizzatori, John Fratta, quest’anno ha vietato la vendita di gadget legati al film “Il padrino”, che ancora spuntavanotra botteghe e bancarelle. Fonte: Repubblica
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)