Connect with us

Senza categoria

Reddito di Cittadinanza, E’ ALLARME ROSSO: PAGAMENTO ANCORA BLOCCATO per ottobre e novembre. Le risposte dell’Inps

Published

on

reddito di cittadinanza

Addirittura 70.000 famiglie non ricevono il reddito grillino da ottobre e la situazione diventa molto pesante.

Sta facendo il giro dei social la protesta delle 70.000 famiglie che non riescono ad andare avanti perchè non è erogato loro il Reddito di Cittadinanza e vediamo cosa succede.

Purtroppo il reddito di cittadinanza è nel mirino tanto del governo che dell’INPS.

Advertisement

70.000 famiglie che non possono mangiare

Pensare a 70.000 famiglie che da ottobre non ricevono il loro unico sostegno per andare avanti è veramente tremendo ma purtroppo è proprio quello che sta succedendo.

Dunque da un lato abbiamo il governo che vuole togliere il reddito ai più poveri ma dall’altro abbiamo che la ricarica di ottobre che ha già ben due settimane di ritardo e molto sono preoccupati. Il clima di ostilità che si è creato attorno al reddito di cittadinanza è veramente pesante. Il problema è che da quando ha vinto il governo Meloni tutte le famiglie che vivono grazie al reddito di cittadinanza stanno sperimentando una forte incertezza e uno stato di instabilità. Il fatto è che il governo di Giorgia Meloni ritiene il reddito di cittadinanza uno spreco per lo stato ma lo ritiene anche una misura che impigrisce le persone.

Tante famiglie non sanno come fare ad andare avanti

Le 70.000 famiglie che ancora non hanno ricevuto la ricarica di ottobre hanno intasato di richieste di INPS. I timori sono tanti perché il reddito di cittadinanza avrebbe dovuto essere erogato già due settimane fa e di conseguenza il fatto che ancora oggi le famiglie che ne hanno diritto non lo abbiano percepito chiaramente fa paura. Le ultime comunicazioni dal governo certamente non tranquillizzano le famiglie che vanno avanti grazie al reddito. Infatti il governo sembra veramente intenzionato a cancellare il reddito di cittadinanza. Secondo Giorgia Meloni i beneficiari del reddito di cittadinanza vanno divisi in due categorie.

Advertisement

Chi lo perde e chi lo conserva

Una prima categoria è quella di chi non ha un lavoro ma potrebbe teoricamente trovarselo e per loro il reddito di cittadinanza non esisterà più. Una seconda categoria è quella di coloro i quali invece non possono proprio trovare lavoro perché sono disabili o per altro genere di problema. Invece per loro il reddito di cittadinanza può continuare. Ma queste 70.000 famiglie che non stanno ricevendo il reddito di cittadinanza sono nell’ansia e mettono nell’ansia anche gli altri beneficiari del reddito grillino. La speranza è che l’Inps paghi queste famiglie al più presto e che offra anche spiegazioni più chiare perché al momento le spiegazioni offerte dall’INPS sono state quelle di un generico ritardo.

Come verificare online

Ma quando una famiglia vive così nell’ansia e vive appesa al filo del reddito di cittadinanza, specie in questo periodo, chiaramente ha paura di questi ritardi e ha paura che possano protrarsi tanto. Infatti le famiglie che beneficiano del reddito di cittadinanza non hanno altri redditi per andare avanti e anche tutta la famosa questione dei furbetti in realtà è abbastanza temeraria. Per verificare lo stato dei pagamenti bisognerà andare sul portale INPS e accedere con lo SPID.  Infatti proprio così nella sezione my INPS si potrà verificare anche il pagamento del reddito di cittadinanza e dell’assegno unico. Fonte: I love Trading
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Advertisement
Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)