Connect with us

Senza categoria

Bonus 150 euro, IL PAGAMENTO SCATTA IN AUTOMATICO. ADDIO MODULO, cambia di nuovo tutto. Le novità

Published

on

Bonus

Il pagamento del bonus 150 euro sta per diventare automatico per i dipendenti del settore pubblico. A differenza di quanto accade infatti per i lavoratori del privato, i primi non dovranno più presentare alcuna autodichiarazione per riceverlo. Lo stabilisce il testo di conversione in legge del decreto Aiuti ter e per l’ufficialità si attende l’ok da parte di Camera e Senato. Dovrebbe arrivare il 22 novembre. L’intervento perciò punta a integrare l’articolo 18 del DL n. 144 del 2022.

I dettagli

I beneficiari del pubblico di questa misura, perciò, a breve non dovranno più consegnare al datore di lavoro la documentazione utile per ricevere la misura. Erano tenuti a dimostrare di non ricevere indennità una tantum contro il caro prezzi in altre forme: quella prevista per i titolari di trattamenti pensionistici, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, trattamenti di accompagnamento alla pensione, quella destinata ai nuclei beneficiare del reddito di cittadinanza. Lo stabiliva l’Inps.

L’articolo 18 del decreto Aiuti ter, al comma 1, dice: “Ai lavoratori dipendenti, con esclusione di quelli con rapporto di lavoro domestico, aventi una retribuzione imponibile nella competenza del mese di novembre 2022 non eccedente l’importo di 1.538 euro”, è riconosciuta “per il tramite dei datori di lavoro, nella retribuzione erogata nella competenza del mese di novembre 2022, una somma a titolo di indennità una tantum di importo pari a 150 euro”.

Advertisement

“Tale indennità”, prosegue il testo, “è riconosciuta in via automatica, previa dichiarazione del lavoratore di non essere titolare delle prestazioni di cui all’articolo 19, commi 1 e 16”. Si punta, come detto, a intervenire su quest’ultima affermazione. L’importo viene erogato insieme alla retribuzione di novembre 2022, si riceve perciò nello stesso mese o in quello successivo.

Per beneficiare della misura è necessario dimostrare di avere un Isee di 20mila euro, a differenza di quanto stabilito per il bonus 200 euro, che prevedeva un tetto di 35mila. I destinatari sono perciò circa 22milioni di italiani, che riceveranno un totale di 3,2 miliardi. Le categorie sono lavoratori dipendenti, pensionati, disoccupati percettori di Naspi e titolari del reddito di cittadinanza.

L’erogazione del bonus ai pensionati è stata invece disciplinata dall’articolo 19 del DL n.144 del 2022. Per prima cosa, bisogna che siano residenti in Italia e titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione, con decorrenza entro il 1° ottobre 2022.

Advertisement

La modalità di ricezione per i titolari di rapporti di collaborazione domestica e di contratti di collaborazione coordinata e continuativa è differente: per i primi il bonus viene corrisposto in modo automatico dall’Inps, mentre i co.co.co sono tenuti a dimostrare di non aver superato i 20mila euro nel 2021. È invece necessario per gli stagionali dimostrare di aver lavorato per 50 giornate lavorative.

Il bonus 150 euro è erogato dall’Inps a pensionati e pensionate in seguito alle verifiche delle soglie reddituali effettuate sui seguenti dati. Redditi da Certificazioni Uniche 2022 emesse dall’Istituto; redditi da flussi UniEmens. Redditi derivanti da rapporti di collaborazione soggetti all’iscrizione in Gestione separata.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Advertisement
Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)