Connect with us

Senza categoria

Assegno Unico SOSPESO: il pagamento non arriva. Ma c’è un modo: come fare per sbloccare la domanda

Published

on

assegno unico reddito di cittadinanza

Come fare per continuare a ricevere l’accredito dell’assegno unico su reddito di cittadinanza nonostante la sospensione della domanda?

I casi di sospensione dell’Assegno Unico su Reddito di Cittadinanza al momento sono moltissimi.

I dettagli sono riportati da Informazione Oggi. I nuclei familiari con figli fiscalmente a carico e che non sono percettori del Reddito di Cittadinanza devono inviare domanda per l’Assegno Universale direttamente all’INPS. Coloro che, invece, percepiscono il Reddito di Cittadinanza, riceveranno la prestazione automaticamente.

Advertisement

Per tale categoria di beneficiari, tuttavia, si stanno verificando episodi di sospensione della richiesta. Vediamo i motivi.

Assegno Unico: i requisiti per i figli a carico

Per ottenere il riconoscimento dell’Assegno Unico, bisogna avere uno o più figli fiscalmente a carico e risiedere in Italia; sulla base dell’ISEE posseduto, poi, è calcolato l’importo spettante. In particolare, il sussidio spetta per ciascun figlio:

  • minorenne a carico, dai 7 mesi di vita ai 18 anni;
  • maggiorenne, fino a 21 anni, nelle ipotesi indicate nel seguente articolo: “Assegno Unico: le novità per il 2023, tra cui uno straordinario aumento dell’importo“;
  • affetto da disabilità, senza limiti di età.

I parametri per il riconoscimento delle maggiorazioni

L’ammontare della prestazione, inoltre, varia a seconda dell’ISEE del nucleo familiare, del numero dei figli a carico e delle maggiorazioni stabilite. In percettori di Reddito di Cittadinanza, inoltre, devono sottrarre la quota minori del Reddito all’importo dell’Assegno.

Nel caso del nostro Lettore, dunque, la riduzione della somma dell’Assegno può derivare da una variazione dell’ISEE dichiarato, che da diritto ad una cifra minore.

Advertisement

Le maggiorazioni avvengono sulla base dei seguenti parametri:

  • dai 15 agli 85 euro al mese, per ogni figlio successivo al secondo;
  • 80 euro mensili, per i figli affetti da invalidità, di età compresa tra i 18 e i 21 anni;
  • dai 15 agli 85 euro, per i figli maggiori di 21 anni;
  • per i figli maggiorenni, vengono versati: 85 euro in possesso di disabilità media; 95 euro in caso di disabilità grave; 105 euro nell’ipotesi di non autosufficienza;
  • 30 euro al mese, per ISEE bassi, nel caso in cui entrambi i genitori hanno reddito da lavoro. La somma, tuttavia, si riduce a partire dai 15 mila euro, fino ad azzerarsi al raggiungimento del tetto di 40 mila euro;
  • 100 euro al mese, per le famiglie con più di tre figli;
  • per i nuclei con un ISEE inferiore a 25 mila euro e che lo scorso anno percepivano gli ANF, invece, verrà erogato un Bonus aggiuntivo (il cui importo non è ancora definito), fino al 2025.

Assegno Unico: in quali casi è sospeso?

Lo stato della domanda di Assegno Unico può essere sospesa nell’ipotesi in cui il sistema dell’INPS riconosca che il nucleo familiare che ha richiesto il sussidio, beneficia già del Reddito di Cittadinanza. Dunque, se un membro del nucleo familiare è percettore di quest’ultima prestazione, la sospensione della richiesta di Assegno è automatica.

L’Assegno Universale, infatti, viene versato automaticamente sulla carta del RdC; tale categoria di beneficiari, dunque, non deve presentare alcuna domanda.

Se il richiedente, invece, ha percepito in passato il Reddito di Cittadinanza, è necessario aspettare che un funzionario INPS sblocchi la domanda dell’Assegno. Il cittadino, tuttavia, può sempre inviare un sollecito all’Istituto, tramite il servizioINPS risponde” o recandosi presso la sede competente.

Advertisement

Infine, è bene sottolineare che la richiesta è “in istruttoria” o “in evidenza alla sede” quando l’Ente previdenziale non ha ancora finito le sue verifiche; è, invece, “in evidenza al cittadino” quando è il beneficiario della prestazione a dover fornire ulteriori documenti o informazioni. Fonte: Informazione Oggi
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)