Connect with us

Senza categoria

Nuovo Reddito di cittadinanza: IL GOVERNO FA LA RIVOLUZIONE. Cambierà tutto, ecco tutte le nuove disposizioni per il nuovo anno

Published

on

reddito di cittadinanza meloni

Il governo Meloni punta a riformare il Reddito di cittadinanza come promesso durante la campagna elettorale dalla leader di Fratelli d’Italia.

In particolare, l’esecutivo punta a introdurre dei tagli sulla misura che riguarderanno principalmente i requisiti richiesti per ottenere il sostegno mensile.

Vediamo insieme come cambieranno le condizioni di accesso al Reddito di cittadinanza.

Advertisement

Reddito di cittadinanza: i nuovi requisiti dal 2023

Ad annunciare quali saranno le modifiche al Reddito di cittadinanza che il governo Meloni vorrebbe introdurre è stato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giovanbattista Fazzolari.

L’esecutivo punta a togliere il Reddito a colo che hanno un età compresa tra i 18 e i 59 anni senza figli a carico e in condizioni di poter lavorare.

La misura sarà mantenuta per gli invalidi, chi si trova in condizioni di difficoltà, chi ha minori a carico ed è senza mezzi di sostentamento. Inoltre, a poter accedere al Reddito saranno gli over 60 e in tal modo la soglia dei 60 anni diventerà discriminante per l’accesso al sostegno.

Advertisement

L’obiettivo dell’esecutivo è quello di tutela maggiormente chi non può lavorare incentivando invece chi è occupabile, in modo da ridurre la platea di beneficiari.

La difesa di Pasquale Tridico

Il presidente dell’Inps Pasquale Tridico è tornato a difendere il Reddito di cittadinanza, sottolineando il ruolo “straordinario e positivo nella riduzione della povertà” svolto dalla misura

Chi percepiva il sussidio nel 2019, spiega Tridico, ormai in parte non lo riceve più: “C’è stato un ricambio di circa il 45%”.

Advertisement

Il presidente dell’Inps ha aggiunto: “Non va immaginato il Reddito di cittadinanza come qualcosa di statico o con le persone che stanno sul divano dal 2019.

Il 65% dei percettori sono anziani, disabili e minori e persone che non hanno mai lavorato; il 10%, 350mila persone, ha trovato lavoro; un altro 5% ha il reddito e non lavora e potrebbe essere inserito nel mercato con politiche mirate”.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Advertisement
Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)