Connect with us

cronaca

Saman Abbas, la svolta: arrestato il padre in Pakistan

Published

on

Saman

SAMAN ABBAS. Svolta nel caso di Saman Abbas, la 18enne pakistana scomparsa – e si presume uccisa – a Novellara di Reggio Emilia, tra il 30 aprile e il 1° maggio 2021.

Il padre Shabbar Abbas è stato arrestato in Pakistan per una frode a un connazionale per un valore pari a 20mila dollari. Lo riferisce la trasmissione televisiva di Rete 4 “Quarto Grado”. Già a settembre un servizio esclusivo di Anna Boiardi aveva mostrato in diretta l’uomo mentre partecipava a una funzione religiosa nel distretto di Mandi Bahauddin.

Saman Abbas – L’ordine di cattura

Proprio qualche giorno fa il Pakistan ha emesso un ordine di cattura nazionale nei confronti dei genitori della giovane. A rivelarlo è stata Maria Josè Falcicchia, direttrice della seconda divisione dell’Interpol, sempre a “Quarto Grado”.

Advertisement

Il padre e la madre, Nazia Shaheen, tornati in patria all’indomani della sparizione della figlia, sono latitanti dopo l’arresto dello zio Danish Hasnain, ritenuto l’esecutore materiale del delitto, e dei cugini Ikram Ijaz e Nomanhulaq Nomanhulaq, che dopo essere stati arrestati si trovano in carcere a Reggio Emilia.

Il caso a Quarto Grado

Secondo quanto apprende Quarto Grado da fonti di polizia del Punjab, (regione dove è fuggito e vive Shabbar Abbas con la moglie Nazia) la polizia italiana avrebbe inoltrato richiesta di indagare riguardo al caso della morte in Italia della figlia.

Per ora – riferiscono le fonti locali pakistane – nessuna richiesta formale è stata avanzata dall’Italia. Si procede quindi contro Shabbar Abbas solo per frode, ma la polizia pakistana afferma che se ci saranno passi ufficiali da parte dell’Italia, Shabbar Abbas sarà interrogato e accusato anche per la morte della figlia Saman.

Advertisement

Poco più di un mese dopo la scomparsa di Saman, il padre confessò il delitto durante una telefonata a un parente in Italia. “Ho ucciso mia figlia”, aveva affermato Shabbar Abbas l’8 giugno 2021, quando ormai era fuggito in Pakistan. La conversazione è agli atti del processo che inizierà a febbraio a carico dei familiari.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Scarica l'app

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)