Connect with us

politica

Il ministro dell’Interno Piantedosi in città: “Napoli capitale del disagio giovanile”

Published

on

Piantedosi a Napoli

Matteo Piantedosi ha partecipato al primo Comitato ordine e sicurezza della città: “Ci sono problemi simili a Roma e Milano, ma qui la criminalità tra i ragazzi è più diffusa. Sgomberi degli abusivi: lotta ai clan, ma non metteremo in strada anziani, malati e bambini”

Neanche al debutto del neoministro dell’Interno Matteo Piantedosi, il Comitato ordine pubblico e sicurezza di Napoli tradisce la sua tradizione: tante parole e quasi nessun fatto concreto. I temi sul tavolo sono gli stessi passati in rassegna negli ultimi anni anche da Salvini e Lamorgese: telecamere, aumento del personale delle forze dell’ordine, case abusive e babygang. 

Piantedosi a Napoli – I temi trattati dal Comitato

Se i temi sono gli stessi, restano gli stessi anche i problemi della città, senza vedere alcuna soluzione all’orizzonte. In mezzo a convenevoli e frasi di circostanza, le due cose più interessanti Piantedosi le ha dette su giovani e sugli sgomberi delle case occupate abusivamente. 

Advertisement

Pur riconoscendo a Napoli, Roma e Milano emergenze simili, il ministro ha affermato che “…in questa città si avverte un maggior disagio giovanile, con una diffusione della criminalità tra i ragazzi che altrove non si riscontra in egual misura”.

Stabili occupati

In merito alla liberazione di stabili e appartamente illegittimamente occupati, l’esponente del Governo Meloni ha ammesso che si tratta di un tema complesso:

“Da un lato ci sono i clan, ma spesso ci troviamo anche di fronte a persone che hanno davvero necessità della casa e vengono usati come scudi umani dalla criminalità organizzata. Posso assicurare che non c’è nessuna intenzione di sgomberare queste case mettendo per strada anziani, malati e bambini. Allo stesso tempo, saremo intransigenti con chi ha contribuito ad azioni criminali. Quella abitativa è un’emergenza che si affronta, nel lungo periodo, con il recupero dell’edilizia popolare e sociale”. 

Advertisement

Le dichiarazioni di Piantedosi

Per il resto, Piantedosi, che non ha voluto rispondere a più di 4-5 domande, ha annunciato 45 unità di polizia che arriveranno nel 2023 e attenzione al tema della video sorveglianza, senza specificare quanti soldi metterà sul piatto il Governo. “Il ministro ha ascoltato le nostre necessità – ha spiegato il sindaco Gaetano Manfredi a margine dell’incontro – attendiamo una convocazione a Roma insieme a sindaci di Roma e Milano perché adesso bisogna passare ai fatti”. 
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)