Connect with us

cronaca

Prostitute uccise a Roma, è Giandavide De Pau: l’uomo sospettato è vicino al clan dei Senese ma anche al Mondo di Mezzo

Published

on

Roma

ROMA. Si chiama Giandavide De Pau l’uomo interrogato perché sospettato di essere l‘autore dei delitti di due prostitute cinesi e di una colombiana avvenuti giovedì nel quartiere Prati a Roma.

Roma – Chi è De Pau

De Pau, 51 anni, ha precedenti penali legati all’uso di stupefacenti ed è legato al clan camorristico dei Senese e alla criminalità romana.

Il nome di De Pau compare negli atti di varie inchieste della Dda sul clan dei Senese e sul Mondo di Mezzo, il gruppo criminale guidato da Massimo CarminatiSalvatore Buzzi

Advertisement

Una vita, la sua, che ha attraverso vicende giudiziarie di varia natura in un curriculum criminale di primo piano. Il suo “biglietto da visita” è legato al clan Senese, il gruppo criminale di stampo camorristico guidato da Michele “o’ pazzo”. Per lui De Pau era lo spiccia faccende, il factotum ma anche l’autista “fidato” che lo accompagnava a summit con altre personalità della criminalità organizzata.

C’è lui al volante dell’auto il 30 aprile 2013

Quando, a due passi da corso Francia, a poca distanza da un bar, Senese incontra Massimo Carminati, l’ex Nar coinvolto nella maxi-indagine sul Mondo di Mezzo. Un incontro immortalato anche in un video girato dai carabinieri del Ros che è finito negli atti sulla maxi-indagine passata alla storia come Mafia Capitale.

“I tre soggetti accedevano all’interno de bar – si legge nelle carte – e si sedevano a un tavolo sotto la veranda dello stesso, rimanendo in conversazione fino alle ore 13.21, quando si alzavano e proseguivano a dialogare lungo la strada. Carminati e Senese si appartavano a discutere, mentre il De Pau si tratteneva in disparte conversando al proprio telefono cellulare”.

Advertisement

Nel suo passato

Anche un episodio di violenza sessuale e due ricoveri in strutture psichiatriche, a Montelupo Fiorentino. Il traffico di sostanze stupefacentirappresenta, però, il suo core business. Nel dicembre del 2020 viene arrestato insieme ad una trentina di persone per le accuse, a vario titolo, di traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, lesioni personali gravissime, tentato omicidio, trasferimento fraudolento di valori, reati, per la maggior parte, aggravati dal metodo mafioso.

Secondo l’impianto accusatorio il gruppo di cui faceva parte aveva messo le mani su alcune piazze di spaccio nella zona del Tiburtino, San Basilio e Tivoli. L’omicida compare anche in altre indagini in cui gli venivano contestati, tra gli altri, i reati di rapina, cessione di sostanze stupefacenti e minacce a pubblico ufficiale. (Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Advertisement
Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)