Connect with us

sport

Qatar 2022, cerimonia d’apertura dei mondiali di calcio: Morgan Freeman la voce narrante

Published

on

Qatar 2022

Qatar 2022. La cerimonia d’apertura dei Mondiali 2022 in QATAR, e la prima partita QATAR-Ecuador, sono ospitate dallo stadio Al Bayt, ad Al Khor, nel nord est del QATAR. Sessantamila posti, è in parte anche uno stadio italiano. Nel senso che nella joint venture di imprese che l’ha costruito c’è anche un’impresa italiana, la Cimolai di Pordenone. Cimolai, si legge sul sito della società, è subappaltatore per quanto riguarda la fornitura e il montaggio delle gradinate superiori, la struttura in acciaio del tetto e le membrane del tetto. La struttura in acciaio complessiva è lunga circa 320 m, larga 280 m e alta 73 m. La struttura del tetto è constituita da 72 capriate radiali principali a sbalzo che sono stabilizzate da strutture in acciaio tangenziali secondarie. L’azienda edile italiana ha una lunga esperienza nella costruzione di stadi. Si ricordano lo Stadio Olimpico di Atene per le Olimpiadi del 2004, l’FNB Stadium di Johannesburg per i Mondiali del 2010 in Sudafrica, lo Stadio Nazionale di Varsavia, in Polonia, per gli Europei del 2012.

L’ambasciatore della Coppa del Mondo Ghanim Al Muftah e la cantante del QATAR Dana “incoraggeranno il dialogo sull’inclusione e la diversità” nel corso della cerimonia di apertura del torneo in QATAR, ha fatto spiegato l’organo di governo del calcio mondiale. “Il tema della cerimonia di apertura è un raduno per tutta l’umanità, colmare le differenze attraverso l’umanità, il rispetto e l’inclusione. Il calcio ci permette di unirci come un’unica tribù e la terra è la tenda in cui viviamo tutti”, ha dichiarato la Fifa a poche ore dal calcio d’inizio della partita inaugurale tra i padroni di casa del QATAR e l’Ecuador. Alla cerimonia parteciperanno anche la star del k-pop Jung Kook della band sudcoreana BTS e il cantante del QATAR Fahad Al-Kubaisi. Suoneranno “Dreamers”, che fa parte della colonna sonora ufficiale della Coppa del Mondo. Diversi artisti si sono rifiutati di partecipare alla cerimonia di apertura della Coppa del Mondo a causa delle critiche rivolte al QATAR a causa della situazione dei diritti umani nel paese, della morte dei lavoratori migranti e della gestione della comunità LGBTQ. La pop star Dua Lipa ha detto la scorsa settimana che non avrebbe preso parte all’evento e che non vede l’ora di “visitare il QATAR quando avrà rispettato tutti gli impegni sui diritti umani presi quando ha vinto il diritto di ospitare la Coppa del Mondo”. Anche il cantante britannico Rod Stewart era un altro candidato, ma recentemente ha detto di aver rifiutato “un’enorme quantità di denaro” perché “non credo sia giusto andare in un paese con quelle idee e quei valori”. Anche Shakira, che ha eseguito la canzone ufficiale della Coppa del Mondo nel 2010, ha rifiutato di partecipare alla cerimonia di apertura.

Voce narrante d’eccezione per la cerimonia d’apertura dei Mondiali 2022 in QATAR. E’ Morgan Freeman a raccontare tutti i passaggi parlati che servono a legare le coreografie e le immagini dello show. Particolarmente significativo l’incontro con Ghanim al Muftah, uno youtuber qatariota colpito da una sindrome definita ‘caudal regression’. “C’è un filo conduttore di speranza, giubilo e rispetto”, ha voluto evidenziare Freeman durante il breve dialogo. Carriera sterminata per l’attore americano, oggi ottantacinquenne.

Advertisement

Nel 1988, la prima nomination al Premio Oscar, come miglior attore non protagonista, per Street Smart – Per le strade di New York. Nel 1989 vince il premio Pulitzer con il dramma A spasso con Daisy, con l’adattamento cinematografico della pièce arriva la seconda nomination all’Oscar, stavolta come miglior attore.

Negli anni Novanta alcuni ruoli da coprotagonista, come in Robin Hood – Principe dei ladri con Kevin Costner, nel western Gli spietati dell’amico Clint Eastwood, nel thriller Seven di David Fincher accanto a Brad Pitt e Kevin Spacey, in Virus letale accanto a Dustin Hoffman e nel fantascientifico Deep Impact insieme a Robert Duvall.

Nel 1995, arriva una candidatura al Golden Globe per il miglior attore in un film drammatico e all’Oscar al miglior attore per la sua interpretazione in Le ali della libertà, tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King.

Advertisement

Nel 2005, alla sua quarta candidatura, vince l’Oscar al miglior attore non protagonista per il film Million Dollar Baby, diretto da Clint Eastwood. Nel 2009, interpreta il ruolo di Nelson Mandela in Invictus – L’invincibile di Eastwood, grazie al quale nel 2010 è nuovamente candidato all’Oscar al miglior attore. 
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)