Connect with us

attualità

Manovra, dalle bollette alla famiglia: le principali misure sul tavolo

Published

on

decreto governo giorgia meloni manovra

Sulla Manovra, la certezza è che due terzi delle risorse, circa 21 miliardi in deficit, saranno destinati a tutelare le famiglie e le imprese dal caro-energia.

Con un mix di aiuti che va dai crediti di imposta per le imprese allo sconto benzina. Per il resto ci sono tante misure, su cui spingono i partiti, ma che devono fare i conti con una coperta molto corta: su una manovra che va verso i 32 miliardi, sul piatto resta una decina di miliardi e la regola è che ogni misura necessita di coperture nello stesso settore di intervento. Ecco di seguito come sta prendendo forma il ricco menù per la manovra attesa in Consiglio dei ministri.

MIX DI AIUTI CONTRO IL CARO-BOLLETTE. Allo studio c’è un “mix di aiuti”, per coprire i primi tre mesi del 2023. Dovrebbero essere confermati lo sconto benzina, il bonus sociale ed i crediti di imposta, che però si vogliono portare dal 30 al 35% per le piccole attività commerciali. Possibile anche che salga dal 40 al 45% quello per le imprese. È allo studio anche un fondo unico di supporto al fabbisogno energetico, da gestire con aiuti selettivi.

Advertisement

DA DICEMBRE DIMINUISCE LO “SCONTO” CARBURANTI. Lo “sconto” sui prezzi dei carburanti dal primo dicembre si riduce, quasi dimezzandosi. Le accise sulla benzina passeranno infatti a 578,40 euro per mille litri fino al 31 dicembre 2022, mentre quelle su oli da gas o gasolio usato come carburante, in pratica il diesel, passeranno, a 467,40 euro. Lo si evince dalla bozza del decreto atteso in Cdm insieme alla Manovra. Si passa così dall’attuale taglio di 25 centesimi che, comprensivo di Iva, equivaleva a uno sconto al distributore di 30,5 centesimi, a un taglio di 15 centesimi, che con l’Iva si tradurrà a dicembre in 18,3 centesimi di sconto.

PENSIONI, QUOTA 41+62 PER UN ANNO. Per evitare il ritorno della legge Fornero, la soluzione-ponte individuata per il 2023 è una quota 41 con il paletto di 62 anni. “Ci prendiamo un anno per pensare a una vera riforma – spiega il sottosegretario leghista Durigon – insieme alle parti sociali”.

Le “Quote pensione”: dalla legge Fornero a “Quota 103

AUMENTANO LE PENSIONI MINIME. Un aumento delle pensioni minime a 600 euro invece degli attuali 523. E’ una delle misure che sarebbero contenute nella manovra: Si tratta di uno dei punti su cui ha maggiormente insistito Forza Italia. E’ stato infatti Antonio Tajani, al termine del vertice con Giorgia Meloni, ad annunciare che ci sarebbe stato l’aumento.

Advertisement

Manovra: REDDITO, PER GLI OCCUPABILI STOP DOPO UN ANNO DI “CUSCINETTO”

Sul Reddito di cittadinanza si cambia, anche se la discussione è ancora in corso. L’ipotesi allo studio è di toglierlo agli occupabili con una fase transitoria di un anno: un anno di “cuscinetto” per inserire i lavoratori nel mondo del lavoro, accompagnati da appositi corsi di formazione, considerati obbligatori. Sarebbe questa, in attesa della decisione finale del Cdm, la soluzione individuata dal governo come uscita soft dal reddito di cittadinanza per i cosiddetti occupabili. L’idea della cancellazione immediata del beneficio già dall’1 gennaio, che avrebbe permesso di risparmiare 1,8 miliardi, sarebbe stata accantonata, sposando invece la soluzione ponte proposta dalla ministra del Lavoro Calderone. La data di interruzione sarebbe quindi quella del 31 dicembre 2023. Sarebbe in corso in queste ore un ragionamento anche sulla possibile riduzione dell’assegno. L’aiuto resterà per i poveri, su cui si valuta una lotta ai “furbetti” del reddito.

Manovra, ecco le anticipazioni sulle novità

CUNEO GIU’ DI 3 PUNTI PER I REDDITI BASSI. Sul cuneo si va verso una replica del taglio di 2 punti per i redditi fino a 35mila euro (che costa 3,5 miliardi), mentre il taglio sarà incrementato di un altro punto, fino a 3 punti, per le fasce più fragili, quelle con un reddito inferiore a 20mila euro. Dovrebbe andare tutto a sostegno dei lavoratori.

FLAT TAX, SALTA L’INCREMENTALE. Sulla flat tax resta al momento confermato l’aumento della soglia (da 65 a 85mila euro) per autonomi e partite Iva, mentre sembra perdere quota l’ipotesi di introdurre anche una flat tax incrementale. Per i dipendenti invece si studia la riduzione della tassazione sui premi di produttività.

Advertisement

NO AL TAGLIO DELL’IVA, SI ALLA “SOCIAL CARD”

Lo stop all’Iva per i generi di prima necessità, come pane, latte e pasta non entra nella legge di bilancio. Secondo quanto confermano fonti della maggioranza, sarà attivata dai comuni una “social card” per famiglie meno abbienti e spetterà a chi ha un reddito inferiore ai 20mila euro. La carta per gli acquisti per i beni di prima necessità, che oggi è concessa a over 65 e bimbi sotto i tre anni con particolari requisiti (i titolari sono i genitori) sarebbe cumulabile con la pensione minima. Il fondo che sarà messo a disposizione dovrebbe aggirarsi intorno ai 500 milioni. Ci sarà invece la diminuzione dell’Iva sui prodotti della prima infanzia, dice il sottosegretario alla presidenza del consiglio Giovanbattista Fazzolari (FdI).

TREGUA FISCALE, SALTA LO “SCUDO”. Per le cartelle fino al 2015 si va verso la cancellazione di quelle sotto ai mille euro e la riduzione di sanzioni e interessi, con rateizzazione in 5 anni, per le altre. Non verrebbe proposta invece la “voluntary disclosure” sui capitali all’estero.

SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA. È previsto l’incremento dell’assegno unico familiare (la proposta è di raddoppiare da 100 a 200 euro la maggiorazione per i nuclei con 4 o più figli e di garantire 100 euro in più per i figli gemelli) e un intervento sui congedi familiari. Si cercano anche fondi per poter rendere strutturale il finanziamento dei centri estivi.

Advertisement

CAMBIA LA NORMA SUGLI EXTRAPROFITTI. La revisione allo studio prende come riferimento il regolamento Ue, misurando gli extraprofitti sugli utili e alzando l’aliquota attualmente al 25%: si ragiona su una forchetta del 30-33%, in base alla scelta che verrà fatta sull’Iva.

BONUS TV E AIUTI ALLE IMPRESE. Possibile il rifinanziamento dei due contributi gia’ esistenti (per tv e decoder) con altre risorse per 100 milioni. Allo studio anche altre misure per le imprese, dal rifinanziamento della “nuova Sabatini” all’ipotesi di un fondo per la tutela del made in Italy.

TETTO AL CONTANTE E CEDOLARE SECCA. Dal primo gennaio sale da 2mila a 5mila euro. Tra le ipotesi c’è anche la cedolare secca per gli affitti dei locali commerciali.

Advertisement

PONTE SULLO STRETTO. Per poter far ripartire l’iter, viene riattivata la società Stretto di Messina, in liquidazione da 9 anni.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)