Connect with us

cronaca

Ultim’ora Terremoto. Trema ancora l’Italia. Nuova forte scossa di magnitudo 3.6

Published

on

Terremoto

Terremoto. La scossa è stata registrata alle 2:59 con ipocentro a 10 chilometri di profondità ed epicentro 22 km a nordest di Fano (Pesaro Urbino). Non si segnalano danni a persone o cose.

Un terremoto di magnitudo 3.6 è stato registrato al largo della costa marchigiana pesarese. Lo si legge sul sito dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). La scossa è stata registrata alle 2:59 con ipocentro a 10 chilometri di profondità ed epicentro 22 km a nordest di Fano (Pesaro Urbino). Non si segnalano danni a persone o cose.

Il terremoto non arretra – pochi giorni fa altre scosse

TERREMOTO. Un’altra forte scossa di terremoto, di magnitudo 4.3, si è registrata davanti alla costa pesarese, alle 6.20, seguita da una 3.2 alle 6.23.

Advertisement

Non si registrano comunque altri danni o problemi alle persone rispetto a quelli causati dalle forti scosse del 9 novembre (5.5 delle 7.07 e 5,2 delle 7.08).

L’epicentro dell’ultima scossa, avvertita anche ad Ancona, è a 10 km di profondità, a 21 km a Est di Fano e 28 km da Pesaro. Prosegue dunque lo sciame sismico nelle Marche che ha provocato danni per diverse decine di milioni di euro e oltre un centinaio di sfollati tra le province di Ancona e Pesaro Urbino. Ieri, alle 9.56, si era registrata una scossa piuttosto forte, di magnitudo 3.5. Finora oltre 2.300 verifiche dei vigili del fuoco per controllare la staticità e le condizioni degli edifici. (ANSA). 

Cinque scosse di terremoto, tutte localizzate in mare, hanno fatto tremare la costa adriatica nel cuore della notte dopo una giornata (quella di ieri) in cui lo sciame sismico aveva concesso un tregua prolungata. La più botta forte, di magnitudo 3.1, si è verificata alle 4.26 seguita da una 3.0 alle 4.56 e preceduta da una di 2.8 alle 3.56. 

Advertisement

La scossa tra Rimini e Pesaro

Le vibrazioni tutte localizzate nella stessa porzione di mare, la solita, tra i 9 e 10 Km di profondità a partire da quella segnalata alle 3.20 di magnitudo 2.8. Solo quella più forte, di magnitudo 3.1, si è verificata leggermente più a nord: tra Rimini e Pesaro.

In mattinata, alle 9.36, la botta più forte: magnitudo 3.5 a soli 5 km di profondità sempre nello specchio di Adriatico tra Pesaro e Fano. (CorriereAdriatico)

Advertisement
Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)