Connect with us

Senza categoria

Assegno unico Inps, RADDOPPIA L’ACCREDITO: a queste famiglie il bonus sarà più alto e ricco. Ecco a chi spetterà il regalo

Published

on

assegno unico

La legge di bilancio è pronta per il confronto con il Parlamento. Rivisti alcuni importi dell’assegno unico.

Il governo è pronto a presentare la legge di bilancio alle Camere per l’approvazione definitiva. Quest’ultima deve avvenire entro il 31 dicembre. C’è tempo, quindi, per il confronto in aula e valutare gli emendamenti, ossia le proposte di modifica. Tuttavia, va ricordato che gli emendamenti alla legge di bilancio non possono modificare i saldi della stessa.

Ciò vuol dire che per spostare delle risorse su un provvedimento vanno recuperate altrove sempre all’interno della manovra stessa senza toccare i saldi. I margini di manovra sono stati ristretti nonostante il valore di 35 miliardi di euro. Ciò è dovuto al fatto che gran parte delle risorse serviranno per coprire gli aumenti in bolletta, in particolare a imprese e famiglie con Isee fino a 15.000 euro.

Advertisement

Assegno unico, in arrivo gli aumenti

Per le famiglie, però, arrivano risorse in più per l’assegno unico universale. Si tratta dello strumento a favore delle famiglie con figli a carico fino a 21 anni in vigore da quest’anno. Infatti, la legge di bilancio proposta dal governo prevede un incremento del 50% in caso di neonati. L’incremento, però, sarà valido solo per il primo anno di età del bambino.

Tale incremento salirebbe ad un ulteriore 50% in caso di famiglie da tre o più figli. In linea di massima, nel primo caso, l’aumento sarebbe di circa 100 euro; dal terzo figlio in poi, tale incremento raggiungerebbe circa i 200 euro. Tale provvedimento si orienta, quindi, ad incentivare le nascite seguendo la linea politica del partito principale del governo.

Intanto entro dicembre sono previsti i pagamenti di tutti gli arretrati relativi all’assegno unico universale. Inoltre, da gennaio gli assegni saranno aggiornati alla rivalutazione al tasso di inflazione. Tale rivalutazione si attesterà al 7,3% per i primi due mesi dell’anno. A partire da marzo in poi o al massimo aprile la rivalutazione sarà completata al cento per cento applicando il tasso medio d’inflazione sull’intero 2022. Fonte: Consumatore.com

Advertisement

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)