Connect with us

Senza categoria

Tragico schianto in moto, un’altra giovane vittima dell’asfalto: Edoardo muore a soli 18 anni

Published

on

Edoardo Tobba Rieti

ADDIO EDOARDO. Aveva solo 18 anni e viaggiava felice sulla sua moto, la sua passione più grande. Se ne è andato così Edoardo Tabbo, in un pomeriggio qualsiasi in una delle strade di sempre, percorse tante volte ed ora per l’ultima volta.

E’ una Rieti triste, senza parole, alla quale a tratti manca anche il fiato, quella che si è risvegliata stamani e che piange un altro suo giovane.

I Fatti

Ancora un morto sulla Terminillese. Di nuovo un giovanissimo. Tragedia ieri, giovedì 24 novembre, a Vazia: un 18enne, alla guida della sua moto, una Aprilia, per cause ancora in via di accertamento si è schiantato contro un palo all’altezza del distributore Q8 alle porte del quartiere. A perdere la vita è stato Edoardo Tabbo, di Santa Rufina. A quanto risulta, il giovane intorno alle 15 viaggiava sulla Salaria 4 Bis del Terminillo in direzione Vazia-montagna.

Advertisement

L’incidente

Come riporta Rietilife, non è chiaro perché abbia perso il controllo del mezzo, finendo la sua corsa a margine della strada, poco dopo l’incrocio con via Kennedy. A quanto riferisce una testimone a RietiLife il giovane motociclista avrebbe perso il controllo del mezzo iniziando a “sbandare” all’altezza del bivio per l’ospedale mentre procedeva verso Vazia, fino a centrare in pieno il palo del distributore di benzina. Abbiamo chiamato il 118 mentre un passante ha cercato di rianimarlo eseguendo il massaggio cardiaco ma sembra sia morto sul colpo”. Sulla dinamica dell’incidente stanno cercando di fare luce gli agenti della Polizia Locale, intervenuti insieme al 118. La strada è rimasta chiusa circa due ore per soccorsi e rilievi.

I messaggi di cordoglio

Tanti i messaggi di cordoglio sui social per il giovane, che aveva frequentato il Rosatelli e l’Istituzione Formativa. Una passione per i motori e per le moto quella di “Edo”, per il quale i messaggi sono straziati e pieni di ricordi: “Non possiamo pensare che domani una mamma e un papà si sveglieranno pregando che sia solo un incubo” scrive un utente su facebook. E ancora: “Edo, un saluto fin lassù. Ci conoscevamo da bambini”.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Advertisement
Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)