Connect with us

politica

Soumahoro, si autosospende dal gruppo parlamentare: “Ho commesso una leggerezza”

Published

on

Soumahoro

Arrivano nuove accuse per Aboubakar Soumahoro, il deputato di Alleanza Verdi e Sinistra con un passato di lavoro tra i braccianti delle baraccopoli del Sud Italia.

Dopo la bufera intorno alle coop gestite dalla suocera dell’onorevole, contro di lui puntano il dito due ex amici, due compagni di lotta che denunciano: ha organizzato una raccolta fondi per i braccianti dei campi in cui lavorava, ma gli emarginati di quei soldi hanno visto soltanto una minima parte. I due ex compagni del deputato Verde, Sambare Soumaila e Alfa Berry, chiedono: dove sono finiti gli altri? Soumahoro intanto si è autosospeso dal suo gruppo parlamentare: “Credo nell’integrità e nel rispetto, ho commesso una leggerezza”.

Soumahoro – La lettera alle forze di polizia

L’accusa arriva in seguito all’intervista dei due a “Striscia la Notizia”. Quei due ormai ex amici hanno scritto tutto in una lunga lettera, arrivata anche alle forze di polizia. Mettendo nel mirino l’operato di quella Lega Braccianti fondata da Soumahoro con loro, che ne erano vicepresidenti. L’obiettivo doveva essere quello di tutelare gli emarginati delle baraccopoli in cui i braccianti vivono in condizioni terribili, quei ghetti da cui lo stesso Soumahoro viene: Torretta Antonacci, a Rignano in Puglia, o San Ferdinando in Calabria. Dove a Natale 2021 Soumahoro andò, vestito da Babbo Natale, a portare regali (ma gli ex amici adesso dicono “a farsi selfie”). 

Advertisement

“Raccolta fondi per i braccianti, nei campi solo pochi euro”

“Non ti fare più vedere qui – scrivono infatti nella lettera -. Vieni solo a scattare selfie auto-promozionali, che è rimasta l’unica attività che vieni a fare tra le nostre baracche. Con quei selfie hai raccolto centinaia di migliaia di euro attraverso le donazioni di ignari benpensanti, ma ne abbiamo spesi meno della metà della metà della metà per portarci a ognuno di noi un pacco di pasta,  un chilo di sale e 700 grammi di passata di pomodoro”. 

Soumahoro – L’autosospensione dal gruppo parlamentare

 Dopo le polemiche, Soumahoro ha deciso di autosospendersi dal gruppo parlamentare di Alleanza Verdi Sinistra. A farlo sapere sono Angelo Bonelli, co-portavoce di Europa Verde e deputato AVS, Nicola Fratoianni segretario di Sinistra Italiana e deputato AVS, e Luana Zanella, presidente gruppo parlamentare AVS, dopo aver incontrato il parlamentare.

Soumahoro: “Credo nell’integrità e nel rispetto, ho commesso una leggerezza”

Mi sono autosospeso dal gruppo – ha poi spiegato Soumahoro – perché credo fermamente nei valori dell’integrità, ma anche per rispetto e tutela della storia che mi porta qui, che non è solo la mia, ma di tante migliaia di persone. Per questo sono giunto a questa decisione”.

Advertisement

“Quando ho conosciuto la mia compagna era già all’interno della gestione dei centri di accoglienza e mi risultava che la cooperativa fosse virtuosa. Successivamente venni a sapere che c’erano ritardi negli stipendi. Ho commesso una leggerezza. Avrei dovuto improvvisare visite per verificare. Bene hanno fatto i lavoratori a rivendicare il loro diritto”, ha quindi spiegato il deputato intervenendo a “Piazzapulita”. “Non sapevo. Se fossi stato a conoscenza di una eventuale indagine non mi sarei neanche candidato per come sono fatto”.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)