Connect with us

Usa

Usa, prezzi in aumento e nel 2023 saranno ancora più alti. La denuncia di un agricoltore

Published

on

usa prezzi

Lo shock da prezzi al supermercato continuerà o addirittura peggiorerà nel prossimo anno, o almeno così prevedono gli esperti. La siccità, le carenze della catena di approvvigionamento e l’aumento dei costi per fare affari hanno portato a un 2022 difficile per gli agricoltori americani.

“Penso decisamente che abbiamo una minaccia per la sicurezza alimentare”, ha detto a Fox News Stephanie Nash, un agricoltore del Tennessee e sostenitore dell’agricoltura. “Credo che il 2023 sarà difficile. Peggio di quest’anno”. I prezzi dei prodotti alimentari hanno superato l’inflazione complessiva nel 2022 poiché i prezzi dei generi alimentari di novembre hanno mostrato un aumento del 10,6% rispetto allo scorso anno, mentre l’inflazione complessiva ha raggiunto il 7,1%, secondo il Bureau of Labor Statistics.

Diversi fattori hanno contribuito all’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. La carenza di fertilizzanti e carburante, condizioni meteorologiche estreme e l’aumento dei tassi di interesse in un settore che si basa sul finanziamento del debito. La maggior parte degli agricoltori statunitensi stipula ogni anno prestiti a breve termine a tasso variabile per pagare qualsiasi cosa. Lo afferma il Dipartimento dell’Agricoltura.

New York, prezzi in aumento e salgono i costi delle operazioni agricole

Di conseguenza, l’aumento aggressivo del tasso di interesse della Federal Reserve da un minimo dello 0% a un massimo del 4,25% ha aumentato il costo delle operazioni agricole. “Hai agricoltori e allevatori di famiglia che non possono pagare i loro conti”, ha detto Nash. “Parli di prestiti: è un grosso problema.” “I costi del cibo stanno aumentando, la produzione complessiva della nostra attività sta aumentando”, ha aggiunto. “Dobbiamo essere in grado di essere pagati di più per farcela.”

Si prevede che la spesa per interessi totale del settore agricolo raggiungerà quasi 26,5 miliardi di dollari quest’anno, quasi il 32% in più rispetto allo scorso anno, secondo i dati dell’USDA. Secondo due dozzine di agricoltori e banchieri intervistati da Reuters, a causa dell’aumento dei costi di fertilizzanti, carburante e terreni, gli agricoltori devono decidere se ridurre i raccolti e il bestiame o resistere mentre lottano per rimborsare prestiti più elevati.

“Vediamo aumentare i prodotti nei negozi di alimentari e penso che molte persone non lo capiscano”, ha detto Nash. “Non siamo noi a spingere per aumentare, stiamo guadagnando meno che mai”.

Una delle peggiori siccità che il paese abbia visto negli ultimi decenni sta anche contribuendo ad alimentare l’inflazione alimentare. A partire da martedì, il 53,2% dei 48 stati più bassi è in siccità, secondo l’US Drought Monitor.

“Penso che sia una grande minaccia per gli Stati Uniti: tempo, siccità e acqua”, ha detto Nash a Fox News. “In realtà non abbiamo avviato alcun nuovo programma per aiutare gli agricoltori con la devastazione in tutta l’America”.

La grave siccità e gli incendi hanno indotto gli agricoltori di tutto il paese a ridurre i raccolti e le dimensioni del bestiame.

Quasi tre quarti degli agricoltori hanno visto una riduzione dei raccolti a causa della siccità, secondo il sondaggio del 2021 dell’American Farm Bureau Federation sui produttori alimentari americani.

Allo stesso modo, due terzi degli allevatori e degli allevatori di bestiame hanno riferito di aver svenduto gli animali, con una dimensione media delle mandrie prevista in calo del 36%. I maggiori cali di mandria si registrano in Texas (-50%), New Mexico (43%) e Oregon (41%), a dimostrazione dell’ampia distribuzione geografica del disagio.

“Dobbiamo essere in grado di essere pagati di più per farcela e rimanere nella comunità agricola e di allevamento familiare”, ha detto Nash.


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)