Connect with us

economia

Crisi energetica, il prezzo del gas scende, ma non le bollette: +23,3% dicembre

Published

on

gas

GAS.Nonostante le buone notizie sul fronte prezzi e consumi, le bollette per le famiglie subiscono un rincaro del 23,3% a dicembre in Italia. Secondo Arera, nel 2022 la stangata è stata pari a 1.866 euro a famiglia. Eppure una pesante recessione economica per il nostro Paese a causa della penuria di gas, gravida di conseguenze sociali, è stata con ogni probabilità evitata: a dirlo è un’analisi di Oxford Economics citata dal Sole24Ore, secondo cui gli stoccaggi del Paese saranno sufficienti ad evitare razionamenti

Attualmente gli stoccaggi in Europa sono pieni all’83,5%, con un trend positivo dello 0,15%: la situazione positiva emerge dai dati della piattaforma Gie-Agsi. L’Italia è più o meno in linea con gli altri Paesi del Vecchio continente, con un riempimento pari all’82,5% della capacità massima

Secondo le previsioni di Oxford Economics, alla fine dell’inverno attuale gli stoccaggi dell’Italia saranno abbondantemente sopra al 30% della capacità massima: dunque per gli esperti la situazione attuale “rende meno probabile uno scenario di recessione severa

A rendere possibile questo scenario positivo, riporta il quotidiano economico, è stato il rapido adattamento delle fonti di approvvigionamento di gas a fronte della riduzione dei flussi provenienti dalla Russia. Nel 2023, tuttavia, le forniture potrebbero subire un calo ancora più consistente

A pesare, in senso positivo, sulle capacità dell’Italia di far fronte alla penuria di gas dalla Russia sono anche l’aumento dell’efficienza energetica. Il ricorso ad altri combustibili dovrebbe, inoltre, contribuire al contenimento della domanda di gas

rischi, però, non sono svaniti: secondo gli esperti dell’università inglese è necessario valutare alcune variabili che renderebbero lo scenario peggiore. Tra queste c’è l’interruzione totale dei flussi dalla Russia, oppure l’arrivo nelle prossime settimane di un clima più rigido

Finora ad aiutare l’Italia, così come gli altri Paesi europei, a far fronte alla crisi energetica è stata anche la riduzione della domanda di gas. Inoltre fino a tutto novembre 2022, la diminuzione dei flussi di gas della Russia pari al 60% è stata compensata dall’aumento delle forniture da Norvegia (+40%) e Azerbaijan (+20/25%)

Nonostante lo scenario attualmente positivo, comunque, l’attenzione sul tema delle forniture di gas rimane alta. Per il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin (in foto), la preoccupazione sul fronte energetico è “mettere in sicurezza il sistema e l’accordo sul price cap” a livello europeo

L’accordo raggiunto tra i Paesi dell’Ue prevede un tetto al prezzo del gas a 180 euro. Per Pichetto Fratin si sono “create le condizioni per evitare l’esplosione dei prezzi“, insomma “è un bazooka per intervenire qualora gli speculatori facciano oscillare il prezzo internazionale, probabilmente non verrà mai applicato ma serve per dire ‘se vai oltre ti sparo'”

nfine, sul tema degli stoccaggi, il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica ha detto che “un po’ ce l’abbiamo e lo manteniamo” e “vediamo con speranza all’autunno 2023” anche grazie alla “capacità delle imprese di risparmiare, alla riduzione dei consumi e alla diversificazione delle fonti di approvigionamento”. (Skytg24/Adnkronos)

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)