Connect with us

Senza categoria

Milano, schianto tra auto e moto: Adamo muore a soli 24 anni

Published

on

Si chiamava Adamo Morandi, e con la sua inseparabile Kawasaki verde brillante stava percorrendo la provinciale 34, il rettilineo che collega Castano Primo a Magenta. Un tragitto che aveva consumato già tante volte.

L’ultima, oggi intorno alle 14: il 24enne di Busto Garolfo sarebbe stato centrato in pieno da una macchina in uscita da un autolavaggio, all’altezza di Arconate (Milano). Letale il colpo, che non gli ha lasciato scampo: il giovane è morto poche ore dopo all’ospedale di Legnano.

Secondo le prime ricostruzioni, il  giovane si era appena lasciato alle spalle la rotatoria di Buscate e procedeva in direzione Inveruno in sella alla propria moto. Nel frattempo la macchina coinvolta nell’incidente, una Opel Zafira guidata da una 23enne, stava uscendo dall’autolavaggio, e si sarebbe immessa sulla carreggiata della provinciale senza accorgersi dell’arrivo del centauro.

Un impatto violento, inevitabile, che distrugge auto e moto. Il ragazzo si schianta prima contro la parte anteriore della macchina e poi, dopo un volo di diversi metri sull’asfalto, finisce su un terreno sterrato che costeggia la provinciale.

Quando arrivano i soccorsi (con i Carabinieri della Compagnia di Legnano, i Vigili del Fuoco volontari di Inveruno e la Polizia Locale di Arconate) Adamo è in fin di vita. Viene portato d’urgenza al Pronto soccorso dell’ospedale di Legnano, ma le manovre tempestive messe in atto da medici e infermieri si rivelano purtroppo inutili. 

Giorni di sangue sull’asfalto dell’Alto Milanese, che poco prima di Adamo ha visto morire anche Paolo Di Ciancio, 34 anni, originario sempre di Busto Garolfo: per motivi ancora da chiarire la sua auto, una Mercedes Classe A, si è schiantata frontalmente contro un albero che fa da spartitraffico lungo viale Giovanni Boccaccio a Busto Arsizio, intorno alle 5:30 di martedì 3 gennaio. Di Ciancio è morto sul colpo, mentre l’uomo di 54 anni che viaggiava con lui è stato soccorso dai sanitari del 118.


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)