Connect with us

cronaca

Terremoto Napoli, nuova scossa avvertita poco fa. Decine le segnalazioni: “Ha tremato tutto”

Published

on

terremoto

TERREMOTO NAPOLI. Non si arresta il sisma in Campania, come si legge su Napolitoday, nuove scosse hanno interessato la Campania pochi minuti fa.

Stando q quanto perviene, si tratterebbe si una scossa di magnitudo 2.0. ma a quanto pare è ben stata avvertita dai residenti nella zona dei Campi Flegrei. Decine infatti le segnalazioni e i messaggi che hanno fatto il giro del web.

Le segnalazioni sui social

“Scossa forte proprio ora avvertita via pisciarelli dio mio come era forte”, scrive un utente. “Forte e lunga”, si legge in un commento. O, ancora, c’è chi scrive: “Sì, io sono morta”. (Napolitoday)

Terremoto – trema anche il Vesuvio

Le lievi scosse di terremoto che sono state avvertite sul Vesuvio in questi giorni “sono piccole fratture superficiali del cratere che dopo l’ultima eruzione del 1944 si raffredda, compatta e tende ad abbassarsi. Questo fenomeno ovviamente genera una fratturazione superficiale della crosta con lievi terremoti”.

Francesca Bianco, ex direttrice dell’Osservatorio vesuviano di NAPOLI 

E oggi alla guida del Dipartimento vulcani dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, spiega così le scosse che si sono verificate sul vulcano di NAPOLI. “Gli ultimi eventi sismici del Vesuvio – dice Bianco all’ANSA – hanno avuto una bassa magnitudine, come quello del primo gennaio con una scossa superficiale di magnitudo 2 nella zona del cratere. Si tratta di un po’ di sismicità a bassa energia nell’area craterica, dovuta a questo fenomeno gravitativo di contrazione del cratere.

Fratture sul cratere del Vesuvio

Piccole fratture che non vengono dal profondo e non c’è neanche una traccia di magma che degassa, visto che le piccole fumarole che ci sono non danno alcuna composizione anomala ora”. Non preoccupano quindi le piccole scosse sul Vesuvio, come pure quelle registrate a Ischia: “Ne abbiamo registrate alcune – spiega Bianco – tra cui quella di magnitudo 1,4 avvenuta a Forio il 24 dicembre. Queste sono dovute alla grande circolazione di fluidi sotterranei che portano a una ultra-micro sismicità e in generale alla dinamica dell’intera isola che è in abbassamento.

Queste scosse sono quindi legate alla dinamica generale dell’isola e non alla risalita di magma, come accade anche al Vesuvio, che si sta raffreddando e compattando e quindi porta piccole scosse. Ischia è in un lentissimo e al momento poco importante abbassamento, in particolare la zona Epomeo si abbassa su velocità maggiore anche se non forte. Quindi non c’è a oggi una preoccupazione vulcanica, mentre per quanto riguarda i terremoti , ricordo che la scienza mondiale continua a non poterli prevedere”. (ANSA). 


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)