Connect with us

Senza categoria

Morto il maresciallo dei carabinieri Giovanni Andriano: era stato sepolto da una valanga sulle Dolomiti

Published

on

È morto oggi, venerdì 13 gennaio Giovanni Andriano, il carabiniere che era stato travolto da una valanga in Val Chadul (Bolzano), sulle Dolomiti, martedì scorso. Aveva 49 anni ed era una guida alpina e un istruttore del Centro Addestramento alpino di Selva Gardena. Dopo oltre tre giorni di lotta tra la vita e la morte, il suo cuore si è spento a nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Maurizio di Bolzano. Lascia la moglie Angela e il figlio Sergio, di soli cinque anni.

Martedì 10 gennaio, quando è avvenuto l’incidente, era in compagnia di due colleghi, impegnato in un addestramento in in Val Gardena. I soccorritori giunti sul posto avevano dovuto scavare in profondità per due metri e mezzo nella neve per raggiungere il carabiniere e liberarlo. Quando è stato dissepolto, la sua temperatura corporea era ormai scesa a 25 gradi. Il medico d’urgenza è riuscito a rianimarlo sul posto. Troppo gravi le sue condizioni, oggi il decesso.

Andriano aveva 49 anni ed era originario di Torino dove aveva deciso di inseguire le sue due grandi passioni: la montagna e l’Arma dei carabinieri. Aveva girato il mondo per lavoro, prima di approdare in Val Gardena. Gestiva il sito web ‘Emozioni Alpine’, una vera e propria guida di montagna per appassionatiEra formatore presso il Centro di Addestramento Alpino dei Carabinieri in Selva di Val Gardena.

“Ti amerò per sempre” ha scritto la moglie Angela su Facebook. Proprio alla moglie il maresciallo aveva dedicato la Via Angela sulla parete est del campanile Gardeccia Dolomiti.

“La parete est del campanile Gardeccia è poco visibile perché incassata nel grande canalone che divide il Campanile dallo Zoccolo della Selvaggia – aveva scritto lo stesso Andriano –. La Via Angela percorre i punti più belli della parete, ricercando la logica ma anche la roccia migliore. Nel complesso una via meritevole in ambiente straordinario e solitario. Le soste sono attrezzate a spit, mentre lungo la via sono state usate protezioni tradizionali, dove è necessario avere un po’ di esperienza per posizionare le protezioni. La via è stata dedicata ad Angela Benvenuti, mia compagna di vita”.


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)