Connect with us

politica

Pd, Manfredi incontra Bonaccini: “Convergenza su molti temi”

Published

on

Manfredi Bonaccini

NAPOLI. Nel pomeriggio il sindaco di NAPOLI, Gaetano Manfredi, ha incontrato a Palazzo San Giacomo, sede istituzionale del Comune, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

Un proficuo confronto sulle priorità di NAPOLI e della sua area metropolitana, sul ruolo dei Comuni nella dinamica politico-istituzionale e sulle politiche necessarie per lo sviluppo economico-sociale del Mezzogiorno.

Manfredi incontra Bonaccini – Così in una nota di Palazzo San Giacomo

In cui si informa che alla riunione ha partecipato anche il sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro. Molti i temi su cui si è registrata una convergenza, tra cui: il confronto necessario sulla riforma dell’autonomia differenziata, nell’ottica di superare il principio della spesa storica e di garantire una rinnovata e rafforzata centralità alle città;

la gestione – nel confronto con il Governo – dei possibili effetti sociali delle misure di riduzione del Reddito di Cittadinanza con particolare attenzione al Sud; l’elaborazione di efficaci politiche attive per la formazione ed il lavoro da mettere in campo a NAPOLI, in Campania ed in tutte le regioni meridionali;

il rafforzamento dei poteri dei Comuni per potenziare l’erogazione dei servizi pubblici ai cittadini. 

Bonaccini, basta liti sul territorio, occhio ai problemi

“Mi auguro che le questioni sui territori trovino una composizione perché poi chi ci guarda temo non ne possa granché più di litigi. Un conto sono le opinioni diverse, che in un grande partito sono il sale, il pluralismo è un valore, un’altra cosa sono le rivalità che paralizzano un partito, che impediscono poi di occuparci dei problemi della gente e non della classe dirigente”. È l’ appello che da NAPOLI lancia il candidato alla segreteria del Pd Stefano Bonaccini in occasione dell’incontro con Manfredi.

“Credo – dice rispondendo ai giornalisti che lo attendono al Pan e che gli chiedono di commentare quanto accaduto a Caserta con le dimissioni del commissario provinciale – che questo sia accaduto in molte parti d’Italia negli anni recenti. Io non ho ancora nessun ruolo per poter prendere decisioni o dare indicazioni, vengo qui come in tutta Italia per dire qual è il Pd che ho in mente. Ho in mente un Pd che parli meno di nomi e cognomi, cioè della sua classe dirigente, perché rimarrebbe più tempo per parlare di contenuti.

Credo comunque – prosegue – che siano i territori che debbano prendere decisioni, tant’è che come ho già detto se divento segretario non accadrà mai più quello che è accaduto ora, non è possibile che una classe dirigente non si candidi nei collegi, ma soprattutto se rimarrà questa legge elettorale saranno i campani ad esempio a decidere chi saranno i candidati al Parlamento.

Faremo le primarie – conclude – se non cambierà la legge elettorale. Non perché sia lo strumento perfetto ma perché se dobbiamo sbagliare meglio che sbagliamo tutti insieme e non qualcuno da solo a Roma” PTR (ANSA). 

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)