Connect with us

cronaca

Paura a Marano, esplode bomba carta contro esercizio commerciale

Published

on

Marano

Paura in provincia di NAPOLI, a Marano, dove questa mattina all’alba i carabinieri della locale compagnia sono intervenuti a via Fontana 2 per la segnalazione di una forte esplosione. Da una prima sommaria ricostruzione, ancora da verificare, pare che una bomba carta sia esplosa poco prima davanti ad un esercizio commerciale.

Il cancello, una recinzione che fa da perimetro allo stabile dove si trova l’attività, è stato divelto. Indagini in corso da parte dei carabinieri della compagnia di Marano di NAPOLI.

Da Marano a Napoli – il traffico di droga

NAPOLI.  I carabinieri della sezione operativa della compagnia di Marano, in provincia di Napoli, hanno arrestato madre e figlio per detenzione e spaccio di droga.

Solo due giorni fa, i carabinieri avevano arrestato, a Mugnano di Napoli, Raffaele Marrone, 46 anni. Con lui altre 3 persone nel corso di un blitz ad ampio raggio, marito della donna – già nota alle forze dell’ordine – arrestata oggi e padre del ragazzo, un incensurato 23enne.

Marano e Napoli – I militari

Trovato nella disponibilità del 23enne 800 euro in contanti e due borse con all’interno 600 dosi tra hashish e marijuana per un peso complessivo di un chilo e mezzo di droga.

Nella disponibilità della D’aria, una busta con dentro 5 panetti di hashish: 500 i grammi. Sequestrati anche 16 proiettili calibro 38 special. In un locale della famiglia Marrone, i carabinieri rinvenuto e sequestrato due dispositivi conta banconote e una bilancia elettronica. Madre e figlio sono nelle carceri di Pozzuoli e Poggioreale in attesa di giudizio per il reato di detenzione di droga a fini di spaccio.

Nel blitz di due girni fa

I carabinieri arrestato il 52enne Raffaele Maisto, il 46enne Raffaele Marrone, il 37enne Giacomo Vallefuoco e la 62enne Antonietta Sarnataro.

I militari rinvenuto e sequestrato all’interno di un calazaturificio nella disponibilità di Maisto 5 chili di cocaina, 2 chili e 100 grammi di hashish, 1 pistola Beretta calibro 22 e 1 pistola Glock calibro 9×19 con matricole abrase.

La Glock era stata modificata con selettore di tiro a raffica e provvista di silenziatore. Sequestrati anche 1.260 proiettili di vario calibro tra i quali anche per l’Ak 47 e la somma contante di 143.570 euro. Una parrucca e una maschera. In casa di Marrone, invece, i Carabinieri hanno trovato 4.495 euro e 100 grammi di hashish.

Per Vallefuoco una perquisizione grazie alla quale è stato possibile rinvenire e sequestrare 10 chili di hashish, 8 chili di marijuana, 110 grammi di cocaina e un fucile calibro 12 con matricola abrasa. A casa della donna, infine, i militari hanno trovato 675 grammi di hashish.


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)