Forti scosse di terremoto in Turchia. E’ una strage: quasi 1.600 morti. Allerta massima a Catania, trema anche il Sud Italia: le zone a rischio

TERREMOTO. Sono quasi 1.600 le persone morte dopo che due potenti terremoti hanno colpito la Turchia e la Siria nell’arco di 12 ore. Le autorità dei due Paesi temono che il bilancio delle vittime possa aumentare, mentre sono ancora in corso le operazioni di ricerca e soccorso sia sul territorio della Turchia meridionale, sia della Siria settentrionale.

In una nota la Farnesina ha reso noto che “l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri ha preso contatto con i connazionali presenti nel paese e sta agendo in stretto raccordo con le rappresentanze diplomatico-consolari italiane dell’area per verificare le condizioni delle comunità italiane nelle zone colpite. Al momento non risultano feriti o morti tra i connazionali”.

I dati ufficiali dalla Turchia

Riferiscono di 1.014 morti e 5.383 feriti, oltre a 2.818 edifici crollati. In Siria si contano 592 morti, secondo il ministero della Salute e dei soccorritori nelle zone ribelli.

I feriti sono più di 1.500. Intanto, la solidarietà internazionale si è fatta sentire, con offerte di aiuto che sono arrivate da tutte le parti del mondo, Russia e Cina, ma anche Stati uniti e Ue. Più di 10 squadre di ricerca e soccorso dell’Unione europea sono state mobilitate e sono già in viaggio per prestare aiuto.

La prima potente scosa

Colpito nella notte e ha avuto una magnitudo di 7,7 con epicentro a Gaziantep, secondo il presidente turco Recep Tayyip Erdogan che ha parlato del peggior disastro per il paese dal 1939, quando un terremoto uccise oltre 32.000 persone e ne ferì più di 100.000.

Il Centro Sismologico Mediterraneo Europeo (EMSC) ha poi annunciato una seconda scossa della stessa intensità a nord-est di Kahramanmaras a una profondità di due chilometri. Ci sono state più di 100 scosse di assestamento.

Terremoto – Massima allerta Sud Italia: le zone a rischio

A seguito del terremoto di mangitudo 7.9 avvenuto fra Siria e Turchia l’Ingv ha emesso un’allerta tsunami informando che l’onda di impatto dovrebbe arrivare sulla costa siciliana alle 6:35 su Siracusa‚ alle 6:39 a Catania e alle 6:40 a Messina. A seguire l’onda potrebbe impattare su Portopalo, Ginostra, Strombolicchio, Milazzo, Palermo, Marettimo, Gela, Pantelleria, Lampedusa, Porto Empedocle, Sciacca e Mazara del Vallo.

Il Dipartimento regionale Protezione civile (Drpc) della Sicilia “invita i cittadini ad allontanarsi dal litorale basso‚ da zone portuali‚ e di avvisare la popolazione e porre la massima attenzione”.

Segui 41esimoparallelo sui social: Facebook, Instagram, Youtube.
Iscriviti al nostro canale Google News
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
ARTICOLI CORRELATI

Archivio