Ha un malore improvviso e muore, papà Tony stroncato sotto gli occhi della sua famiglia: lascia la piccola Anna Benedetta e la compagna

Piedimonte Matese dice addio a Tony Scappaticcio. Un dramma che ha sconvolto tutti, un dolore e un lutto che ha colpito l’intera comunità, la famiglia e il mondo dello sport.

Se ne è andato così all’improvviso senza una ragione Antonio Scappaticcio per tutti Tony.

Chi era Antonio Tony Scappaticcio

Era uno stimato professionista, un medico veterinario ed anche un allenatore di pallavolo della Polisportiva Matese. Lascia affranti dal dolore la compagna Sofia, la piccola Anna Benedetta, i genitori, il fratello e tutti quanti lo hanno conosciuto. Secondo quanto si apprende l’uomo sarebbe stato colpito da un infarto improvviso.

Nella Polisportiva Matese, dove allenava la squadra di pallavolo, Scappaticcio era molto amato e rispettato. Lui era un vero e proprio leader della squadra, capace di motivare i giocatori e di trascinarli verso la vittoria. La sua passione per lo sport e la sua dedizione all’allenamento erano esemplari, ed erano un esempio per tutti coloro che lo conoscevano.

I Funerali

Domani, 24 marzo alle ore 15,00 presso la Chiesa Ave Gratia Plena, a Piedimonte Matese, si svolgeranno i funerali di Antonio Scappaticcio. Aveva 60 anni.

Da Tony a Checco Maimone

Checco Maimone ucciso per un paio di scarpe da mille euro della Louis Vuitton. E’ questo il motivo della terribile morte del giovane di Mergellina. Tutto è nata per un paio di scarpe. Quanto vale una vita? Vale mille euro una vita?

Un colpo in area, altezza uomo per dimostrare che quella pistola era vera e così la vita di un ragazzo di soli 18 anni è stata stroncata. Senza ius motivo: una sola colpa, al momento sbagliato ne posto sbagliato tra la gente sbagliata. Checco Maimone aveva grandi sogni, voleva fare il pizzaiolo, aprire una sua rosticceria e nel frattempo lavorava onestamente per mettere i soldi da parte. Lui, Checco, nativo delle case gialle dalle di Pianura, che nonostante la nomea di quel luogo si era contraddistinto, voleva di più. Non apparteneva a nessuna gang.

Segui 41esimoparallelo sui social: Facebook, Instagram, Youtube.
Iscriviti al nostro canale Google News
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

ARTICOLI CORRELATI

Archivio