Connettiti con noi

Cronaca

Manfredi premia Geolier ma la mamma di Giogiò polemizza: “Sono indignata, un messaggio sbagliato”

Pubblicata

il

Condividi

Il successo di Geolier sembra essere accompagnato da una scia di polemiche, e oggi non è stata un’eccezione: mentre il giovane rapper di Secondigliano riceveva la targa di riconoscimento dal sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, presso il Maschio Angioino, Daniela Di Maggio, madre di Giovanbattista Cutolo, ha espresso la sua indignazione riguardo al premio.

Daniela Di Maggio polemizza sulla premiazione a Geolier

“Sono grata del supporto della mia città, che non era scontato, è stato ‘esagerato’. Le persone si sono sentite veramente in diritto di supportarmi. Alla fine è vero, quando un prodotto esce da Napoli i napoletani ne sono proprietari, quindi io sono proprietà di Napoli”, ha dichiarato Geolier in risposta alla targa ricevuta dal sindaco Manfredi.

Il sindaco ha lodato l’artista per aver rappresentato Napoli e la sua cultura musicale a Sanremo, sottolineando l’importanza di sostenere i talenti locali. Tuttavia, la decisione del sindaco di non includere Giovanbattista Cutolo nella cerimonia ha scatenato una controversia.

Daniela Di Maggio ha criticato aspramente la decisione del sindaco, sostenendo che anche il figlio avrebbe dovuto ricevere un riconoscimento per la sua collaborazione con Geolier. “Non si può fare una cosa del genere. Così passa un messaggio sbagliato”, ha affermato con veemenza.

Nonostante la difesa di Geolier ai funerali di Giovanbattista Cutolo, la madre del giovane deceduto ha insistito sul fatto che la città avrebbe dovuto onorare entrambi i ragazzi per il loro contributo alla scena musicale di Napoli. “Mi chiedo: tu sindaco di Napoli che messaggio vuoi dare alla città? Sono indignata”, ha concluso Di Maggio.

La cerimonia si è svolta nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino, mentre i fan di Geolier all’esterno intonavano canti di gioia. Tuttavia, l’entusiasmo è stato offuscato dalle parole di protesta della madre di Giògiò Cutolo.