Connettiti con noi

Cronaca

Gaza, Tajani: “Da Hamas è stata caccia all’ebreo. Israele sbaglia, reazione sproporzionata sui civili”

Pubblicata

il

Condividi

La tensione nel Medio Oriente continua a crescere: il Ministro degli Esteri, Tajani, ha ribadito le sue preoccupazioni riguardo agli sviluppi recenti. Ha affermato che l’attacco di Hamas è stato un attacco mirato alla comunità ebraica.

Gaza, le parole del ministro Tajani

“Non condivido le parole di Francesca Albanese perché l’attacco di Hamas è stato un attacco militare che puntava alla caccia all’ebreo e che ha avuto risvolti disumani con violenze e profanazioni di cadaveri, cose mai viste. Non è esatto quello che dice la signora Albanese e comprendo la reazione d’Israele. Davanti a un conflitto bisogna essere prudenti”. Così il ministro su Radio1, commenta il divieto di ingresso da parte di Israele alla relatrice speciale delle Nazioni Unite sui Territori palestinesi, per le sue affermazioni sulle responsabilità del 7 ottobre.

Israele, nel frattempo, ha presentato un piano all’Egitto per l’evacuazione dei civili lungo la costa di Gaza in previsione di un’operazione militare imminente. Il piano, riportato dal Wall Street Journal, prevede la creazione di 15 siti di accoglienza lungo la costa, in grado di ospitare fino a 25.000 persone ciascuno. Questi sforzi sono stati condotti con l’intento di proteggere la popolazione civile dall’escalation del conflitto.

Mentre le tensioni aumentano, l’Unione Europea sta cercando di mediare un accordo per una tregua di sei settimane tra Israele e Hamas. Secondo il Times of Israel, sono stati compiuti progressi significativi nei colloqui al Cairo. Le parti si concentrano ora sulla stesura di una bozza finale per la tregua. Questo potrebbe rappresentare un passo cruciale verso una soluzione temporanea al conflitto.

Tuttavia, le preoccupazioni internazionali continuano a crescere, con il Sudafrica che ha chiesto l’intervento della Corte Internazionale di Giustizia per valutare le azioni di Israele. Anche la Russia e la Cina hanno espresso preoccupazione per le operazioni israeliane, chiedendo uno stop immediato.

Il Ministro degli Esteri Tajani ha rinnovato le sue critiche nei confronti di Israele, definendo la sua reazione sproporzionata e chiedendo di evitare ulteriori rappresaglie contro la popolazione civile palestinese. Nel frattempo, ha respinto le affermazioni di Francesca Albanese, sostenendo che l’attacco di Hamas fosse mirato alla comunità ebraica e sottolineando la necessità di cautela nel trattare con situazioni di conflitto.

Mentre si lavora per raggiungere una tregua, l’Iran ha lanciato un missile balistico a lungo raggio dalla sua nave da guerra. Nel frattempo, i ribelli Houthi dello Yemen hanno attaccato una nave mercantile nel Mar Rosso, evidenziando la complessità dei conflitti nella regione.

Continua A Leggere
clicca per commentare

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *