Psicosi Coronavirus, a Londra autista di Uber rifiuta passeggeri italiani.

5 mesi fa
6 Marzo 2020
di angela capasso

Il Coronavirus fa paura anche a Londra dopo la prima morte a causa del Covid-19 registrata nel Regno Unito. La psicosi si fa sentire oltre la Manica e un autista di Uber ha rifiutato quattro ventenni italiani che lo aspettavano fuori dallo zoo di Londra solo per la loro nazionalità. I passeggeri rifiutati hanno girato un video con il cellulare.

Uno di loro, Dylan Bastonini, ha raccontato in un’intervista che l’autista si è fermato e ha chiesto la loro nazionalità. “Dopo che gli abbiamo detto che siamo tutti italiani, ha detto ‘no coronavirus!’ Siamo tutti scioccati e arrabbiati, ovviamente “.  I ragazzi lo hanno accusato di essere razzista, ma il conducente ha risposto che potevano “lamentarsi con Uber”. “Non andiamo in Italia da mesi – raccontano – siamo rimasti al freddo e sotto la pioggia. È assurdo, ormai è un problema mentale”.

Leggi anche Coronavirus, l’Oms: “Nessun segnale che sparisca in estate”

Fonte: Tpi

Seguici su Facebook 41esimoparallelo.it