Crolla palazzina nel Napoletano: si temono feriti. Vigili scavano sotto le macerie

4 settimane fa
28 Ottobre 2020
di nunzia d'aniello

Crolla palazzina nel Napoletano: si temono feriti. E’ quanto accaduto poco fa. Una palazzina di tre piani è crollata a San Giovanni a Teduccio, quartiere della periferia orientale di Napoli.

Precisamente in via Detta Innominata, non lontano dalla stazione della Linea 2 della metropolitana di Napoli, uno dei capolinea della tratta (San Giovanni-Barra).

Vigili del fuoco a lavoro

Si teme che qualcuno possa essere rimasto sotto le macerie: la palazzina è infatti solitamente utilizzata dai senza fissa dimora della zona, che vi trovano riparo soprattutto per la notte.

Sul posto i vigili del fuoco, arrivati subito dopo il crollo

“Napoli, intervento in via Innominata per il crollo della porzione di un edificio di due piani, segnalato come rifugio per senza tetto. Sul posto squadre vigili del fuoco anche con Usar e cinofili per la ricerca di eventuali coinvolti” fanno sapere i vigili del fuoco.

Sul luogo sono arrivati anche i carabinieri della compagnia di Poggioreale, che stanno aiutando i pompieri: come fanno sapere i militari dell’Arma, la palazzina è disabitata da circa 20 anni e al momento non sono state individuate persone ferite.

I carabinieri

Nella fattispecie, come fanno sapere ancora i carabinieri intervenuti sul posto, a crollare sarebbe stato un muro perimetrale dell’edificio, e non l’intera palazzina.

Come detto, la palazzina è in disuso da circa 20 anni, ma non è l’unica nella zona che versa in uno stato di degrado.

Già nel 2013, infatti, sulla stessa strada, un altro edificio fu interessato da un crollo: anche in quel caso si temette che qualcuno potesse essere rimasto sotto le macerie, visto che, analogamente alla palazzina interessata oggi dal crollo, gli edifici dismessi della zona vengono utilizzati come abitazione di fortuna dai clochard.(Fanpage)
Leggi anche: Campania alla deriva, De Luca corre ai ripari: nuovo provvedimento per l’emergenza Covid 
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo